Wartsila, Fincantieri interviene con commesse e assorbimento esuberi
Wartsila, Fincantieri interviene con commesse e assorbimento esuberi
Tirato in ballo in passato nella crisi dello stabilimento triestino, il colosso della cantieristica si prepara ad assorbire una cinquantina dei 300 esuberi e a fornire commesse sulla rigenerazione dei motori delle navi

di Andrea Deugeni 04/12/2023 21:35

Ftse Mib
32.590,81 10.29.51

-0,35%

Dax 30
17.582,69 10.29.38

+0,15%

Dow Jones
38.972,41 9.55.34

-0,25%

Nasdaq
16.035,30 7.25.12

+0,37%

Euro/Dollaro
1,0808 10.14.42

-0,37%

Spread
144,12 10.44.40

-0,13

Tirata più volte in ballo, Fincantieri sta per intervenire nella crisi Wartsila, lo stabilimento triestino che il colosso finlandese vuole chiudere lasciando per strada 300 dipendenti.


Secondo quanto risulta a MF-Milano Finanza, il gruppo della cantieristica navale guidato da Pierroberto Folgiero ha deciso di giocare la propria parte per scongiurare la chiusura dello stabilimento. Ma non rilevando l’impianto, ma mettendo sul tavolo un’intesa commerciale con i finlandesi che consentirebbe di far rimanere in vita il sito produttivo giuliano. 

L’intervento prevede sia il riassorbimento di una cinquantina di lavoratori (sui 300 destinati a rimanere senza lavoro) sia la fornitura di commesse su due livelli: da una parte per la manutenzione e la riconversione green dei motori navali, dall’altra con studi di fattibilità per la progettazione di nuovi motori a propulsione nucleare

Folgiero ha disegnato a inizio anno il piano industriale di Fincantieri facendo della tecnologia a basse emissioni il tratto distintivo delle nuove navi del gruppo. (riproduzione riservata)