Ferrari: il trend di breve termine rimane negativo

La situazione tecnica di Ferrari rimane negativa. Il titolo, confermando la tendenza ribassista di breve termine nella quale si trova inserito, ha infatti subito una nuova flessione ed è sceso sotto i 160 euro. Solo il forte ipervenduto registrato dagli oscillatori più reattivi può impedire un ulteriore cedimento che avrà un primo target a ridosso dei 157 euro e un secondo obiettivo in area 152-150,50 euro. Prima di poter iniziare una risalita di una certa consistenza sarà necessaria la costruzione di una solida base accumulativa. (riproduzione riservata) Gianluca Defendi

Reflazione e rendimenti muovono i mercati, marzo sarà il mese decisivo

E’ stata una settimana alquanto movimentata per i mercati finanziari. Le fluttuazioni dei rendimenti obbligazionari hanno catalizzato l’attenzione degli investitori, con i Treasury a 30 anni che sono saliti fino al 2,30% oscurando (paradossalmente) l’andamento della pandemia di Covid-19, che rimane comunque un punto di elevata sensibilità sebbene l’outlook economico si sia rasserenato. I rendimenti statunitensi sono cresciuti di oltre 50 punti base dall’inizio del 2021, raggiungendo i massimi degli...