Milano, Sea e Costim lanciano il Linate airport district: progetto da 130 milioni con hotel e nuovi uffici tra aeroporto e Idroscalo
Milano, Sea e Costim lanciano il Linate airport district: progetto da 130 milioni con hotel e nuovi uffici tra aeroporto e Idroscalo
Le spese interamente a carico di Costim, che poi gestirà gli spazi fino alla fine della concessione nel 2042. In una delle palazzine aprirà la nuova sede di Sea. Lavori completati entro 36 mesi

di Alberto Mapelli 11/06/2024 14:19

Ftse Mib
34.215,84 23.50.35

-0,91%

Dax 30
18.171,93 23.50.35

-1,00%

Dow Jones
40.287,53 6.27.07

-0,93%

Nasdaq
17.726,94 23.50.35

-0,81%

Euro/Dollaro
1,0885 23.00.31

-0,06%

Spread
131,41 17.29.55

+1,69

Un hotel a quattro stelle da 220 camere, tre nuove palazzine adibite a uffici e servizi per circa 24 mila metri quadrati e una nuova piazza a disposizione del pubblico.

Sono questi gli elementi centrali del «Linate airport district» (Lad), il progetto di rigenerazione urbana tra l’aeroporto di Linate e l’Idroscalo lanciato da Sea e Costim. Un progetto che punta a ridare vita a un luogo per ora riservato agli addetti ai lavori e che darà la possibilità al pubblico di accedere direttamente all’Idroscalo arrivando con la nuova M4.

Investimento e tempi

Per la realizzazione del masterplan – presentato l’11 giugno all’aeroporto di Linate da Armando Brunini, amministratore delegato di Sea, e da Davide Albertini Petroni, ceo di Costim – l’investimento complessivo sarà di 130 milioni di euro, tutto a carico di Costim. Il gruppo bergamasco di proprietà della famiglia Bosatelli avrà poi la gestione del Lad fino al termine della concessione, prevista nel 2042. Successivamente le opere torneranno allo Stato a un prezzo già concordato ma non reso pubblico, così come il canone concessorio.

I lavori preliminari dovrebbero essere realizzati entro la fine del 2024, con l’inizio delle nuove costruzioni a partire dal primo trimestre 2025. L’obiettivo è quello di completare l’intero progetto nell’arco di 30/36 mesi. Lo sviluppo sarà gestito dal veicolo «Chorus Life Linate spa», controllato al 100% da Costim. 

I dettagli del masterplan

Entrando nel dettaglio, all’interno del Led verranno sviluppati una piazza, oltre a nuove funzioni di servizio, permettendo così di realizzare ampi spazi di connessione con circa 14 mila metri quadrati di verde urbano e un hotel a quattro stelle da 220 camere a servizio dei passeggeri dell’aeroporto. Infine in uno dei tre edifici adibiti a uffici e servizi troveranno sede i nuovi spazi del personale amministrativo di Sea e i nuovi uffici Enac

Sea dovrebbe occupare circa 6 mila metri quadrati. Per gli altri spazi, invece, Albertini Petroni ha assicurato che si sta aprendo la ricerca dei tenant in queste settimane, così come sono aperte le discussioni per individuare il partner adatto a gestire l’hotel.

I commenti

«Con questo progetto completiamo il restyling di Linate – ha commentato Brunini – Quest’area permetterà il collegamento diretto fra l’idroscalo e la città che, grazie alla metro, sarà raggiungibile comodamente anche senz’auto».

«Siamo entusiasti di portare l’esperienza e il know-how del modello ChorusLife Bergamo nel nuovo e ambizioso progetto del Lad a Milano», ha aggiunto Albertini Petroni. (riproduzione riservata)