Rattner, lo stimolo all’economia deve essere tanto veloce e tanto pesante

di Christina Rogers 25/03/2020 18:58

Rattner, lo stimolo all’economia deve essere tanto veloce e tanto pesante
 
  ULTIMO   VAR
Spread 192,28
17.30.01

+0,98%

Steven Rattner è un finanziere di Wall Street di lungo corso, ed è stato il cosiddetto “zar dell’auto” dell'amministrazione Obama durante la crisi finanziaria. Ex investment banker, Rattner è stato l'architetto capo dei salvataggi della General Motors Co. e della Chrysler a quel tempo. Ha anche guidato la task force per l'auto del presidente Obama, in cui è stato incaricato di ristrutturare l'industria automobilistica. Rattner è ora presidente e Ceo della Willett Advisors, che investe il patrimonio personale e filantropico dell'ex sindaco di New York Michael Bloomberg. Il Wall Street Journal ha parlato con lui dell'attuale crisi del coronavirus, dei pacchetti di aiuti federali in esame e delle lezioni apprese dalla recessione del 2007-09 alla fine dell'ultimo decennio. Ecco i punti salienti.

Domanda. Per il business, in cosa si differenzia questa crisi dall'ultima recessione?

Risposta. Non abbiamo mai avuto una crisi sanitaria pubblica di questa portata. Non abbiamo mai avuto una recessione economica così rapida e così feroce, che sembra raggiungere praticamente ogni angolo della nostra economia. La crisi del 2008-2009 ha certamente danneggiato molte aziende e molti settori, ma è stata fortemente incentrata sul settore finanziario, sull'edilizia abitativa e sull'auto.

D. Ci sono delle somiglianze?

R. Dovremmo essere in grado di utilizzare molte delle lezioni apprese nel 2008-2009 per mitigarne gli effetti. Così, per esempio, la Federal Reserve ha già lanciato una serie di programmi di liquidità, molto simili se non identici a quelli sviluppati nel 2008 e nel 2009. La legislazione che il Congresso è sul punto di approvare attinge pesantemente ad alcune delle idee sviluppate anche nell'ultima recessione, per come fornire liquidità e sostegno alle imprese in difficoltà. Ciò che abbiamo imparato nella Grande Recessione è che, per quanto possa essere sgradevole, dobbiamo mantenere il settore delle imprese in funzione quando i mercati privati non sono in grado di farlo.

D. Quali errori occorre evitare di ripetere?

R. È meglio andare troppo velocemente e troppo pesantemente che andare troppo lentamente e troppo timidamente. E ripensandoci, nel 2008 siamo arrivati un po' in ritardo alla festa. Seconda lezione: mentre salvare le imprese è fondamentale per la nostra economia, dobbiamo riconoscere il contraccolpo pubblico che si è verificato per i cosiddetti salvataggi nella Grande Recessione. E così, questa volta, vedrete più condizionalità intorno a cose come il riacquisto di azioni, la retribuzione dei dirigenti, il mantenimento dei dipendenti e così via. Questa può essere o non essere esattamente la politica giusta, ma è un'esigenza politica nel clima attuale.

D. Per gli aiuti federali che vanno specificamente alle imprese, come dovrebbero essere questi accordi?

R.  Non mi piace l'idea di creare un'assistenza speciale per le compagnie aeree. Non vedo perché dovrebbero essere trattate in modo diverso rispetto a qualsiasi altro settore, dove molte aziende hanno avuto problemi altrettanto difficili. Oltre a questo, la priorità più importante in questo caso è assicurarsi che il denaro dei contribuenti sia prestato o investito in modo prudente e commerciale. Bisogna fare attenzione a non gettare i soldi in aziende che non ce la faranno, per qualsiasi motivo. Per le aziende che ce la faranno, il governo dovrebbe agire come un prestatore privato, che è quello che abbiamo fatto nella situazione dell'auto. Dovrebbe valutare le aziende per la loro qualità creditizia, e dovrebbe concedere prestiti a condizioni commerciali. Se un'azienda non ha sufficienti garanzie collaterali o garanzie da offrire, il governo dovrebbe prendere in considerazione l'assunzione di capitale. Non rilevando le aziende, o esercitando il controllo sulle aziende, ma ricevendo una compensazione come farebbe un prestatore privato. Nell'ultima recessione, il governo ha effettivamente realizzato un profitto su diversi piani di bilancio e di salvataggio. L'obiettivo finale dovrebbe essere quello di fare lo stesso.

D. Che tipo di vincoli si dovrebbero applicare a tali pacchetti?

R. Sia per correttezza che per la realtà politica, ci devono essere delle condizioni intorno a cose come la retribuzione dei dirigenti, il riacquisto di azioni, l'aumento dei dividendi e così via. Non ci dovrebbero essere condizioni intorno a specifici tipi di decisioni operative come, per esempio, l'idea che le compagnie aeree debbano mantenere il servizio per alcune città. Detto questo, non c'è dubbio che ci devono essere alcune disposizioni sul mantenimento della forza lavoro.

D. C'è già una lunga serie di aziende e industrie che richiedono assistenza. In che modo il governo dovrebbe dare priorità e garantire una procedura equa?

R. Decidere chi aiutare e chi non aiutare è davvero difficile. Abbiamo preso una decisione per salvare le principali aziende automobilistiche e le società finanziarie. Ma abbiamo concluso che non potevamo salvare tutti i fornitori. Il meglio che si può fare in questo caso è mettere dei guardrail intorno a come questo denaro viene stanziato. Questi dovranno essere più nella natura dei principi che in regole molto specifiche, perché non è pratico per il Congresso cercare di decidere esattamente dove vanno a finire questi soldi. Deve decidere il governo, che ha la libertà di muoversi senza doversi recare al piano di due camere del Congresso per ottenere un voto.

D. Quanto pensa che sarà grave la ricaduta economica di questa crisi, e quanto durerà?

R. La risposta onesta è che nessuno lo sa. Non ci sono precedenti nella nostra storia economica per un evento come questo. Il secondo trimestre di quest'anno avremo una recessione che sarà di enorme portata. Potrebbe facilmente essere molto più grande in un trimestre rispetto all'intero declino del 2008-2009, e molto probabilmente avremo un tasso di disoccupazione superiore al 10%. Ci sono persone che credono che potrebbe anche superare il 30%, il che lo porrebbe al di sopra della Grande Depressione. Tutto questo è possibile, ma in ultima analisi si trasforma in decisioni che vengono prese sulla salute pubblica, quando alla gente verrà detto di tornare al lavoro, tornare a fare shopping, tornare a viaggiare e così via. Questo è ciò che determinerà la fine di questa recessione, non le previsioni di alcuni economisti.

D. L'industria aerea chiede 50 miliardi di dollari di assistenza federale. Basteranno?

R. È un numero enorme. Abbiamo investito 82 miliardi di dollari nell'industria automobilistica, che era effettivamente sull’orlo del fallimento. Con tutti questi programmi, si vuole andare in grande e si vuole andare in anticipo. E poi si vuole essere pronti a fare di più. Nessuno deve presumere o credere che questo sarà l'ultimo pacchetto di salvataggio. Si parte da 50 miliardi di dollari e poi si vede dove va a finire.

D. Nel richiedere gli aiuti, le aziende stanno aprendo la porta a una maggiore regolamentazione che potrebbe finire per danneggiarle a lungo termine?

R. Sì, il mio timore generale su ciò che accade quando il Congresso inizia a fare il furbo in questo tipo di programmi è che si creino una serie di condizioni che generano inefficienze economiche e requisiti artificiali. Ci saranno certamente alcuni requisiti, in modo appropriato. Ma per il Congresso iniziare a dire che le compagnie aeree devono mantenere questo tipo di servizio per questo tipo di posti, questo numero di voli, sarebbe assolutamente terribile.

D. Potremmo cominciare a vedere alcune grandi società crollare, come è successo durante l'ultima recessione?

R. È molto probabile che si verifichino dei fallimenti. Alcuni di essi potrebbero essere necessari, perché, come ho detto, potrebbero non essere in grado di accedere a questi programmi, o potrebbero scegliere di non farlo. Oppure possono semplicemente decidere che, anche con l'aiuto del governo, un percorso di ritorno è troppo ripido e difficile, e meglio chiudere le porte, il che è in effetti la stessa cosa che dichiarare bancarotta. Vedremo un sacco di disordini, ed è per questo che si vuole avere l'intero arsenale di artiglieria per affrontare il problema.

D. I salvataggi dell'industria automobilistica hanno avuto un ruolo di primo piano nell'ultima recessione. Questa volta, in realtà, non li abbiamo visti richiedere assistenza federale in modo massiccio, almeno a questo punto.

R. Fortunatamente, il settore dell'auto è ancora in buona forma. Le aziende automobilistiche e i fornitori hanno memoria abbastanza lunga per ricordare quello che è successo 12 anni fa. E le grandi aziende hanno certamente mantenuto livelli di debito e di liquidità molto prudenti. Quindi le vendite di auto saranno sicuramente brutte per un bel po' di tempo. Penso che le aziende automobilistiche siano ragionevolmente ben posizionate per affrontare la situazione senza bisogno di un grande aiuto.