PharmaNutra ottiene tre nuovi brevetti

di Claudia Frangiamore 25/11/2021 11:35

PharmaNutra ottiene tre nuovi brevetti
 
  ULTIMO   VAR
Spread 130,18
17.30.08

-2,74%

PharmaNutra continua a collezionare brevetti. Il gruppo di aziende specializzate nello sviluppo, produzione e distribuzione di principi attivi per il mercato farmaceutico e nutraceutico, ha ottenuto la concessione di tre nuove licenze: due concessi alla controllata Alesco dall'ufficio italiano brevetti e marchi, mentre il terzo, in capo alla holding, è stato rilasciato dal Federal service for intellectual property in Russia, comunemente noto come Rospatent.

Il primo brevetto italiano, rilasciato ad Alesco, è relativo a un nuovo ingrediente funzionale, il cromo sucrosomiale (UltraChrome). Il cromo è un microelemento che contribuisce a modulare il metabolismo energetico e al mantenimento dei normali livelli di glucosio nel sangue. L'applicazione della tecnologia sucrosomiale garantirà una migliore tollerabilità e livelli di assorbimento, trovando applicazione in formulazioni dedicate al controllo del colesterolo e della glicemia.

Il secondo attestato di brevetto, sempre concesso ad Alesco, riguarda invece la produzione di nuove formulazioni comprendenti un minerale e un polisaccaride, loro eventuali composizioni e l'uso nella supplementazione di detto minerale. La nuova formulazione rappresenta un ulteriore upgrade della tecnologia sucrosomiale, che punta a sviluppare nuove soluzioni e tecnologie per amplificare l'assorbimento e la tollerabilità dei nutrienti.

Infine, la capogruppo ha annunciato che la Russian federal agency for intellectual property ha rilasciato l'attestato di brevetto per la produzione e l'utilizzo degli acidi grassi cetilati (cfa), il principio funzionale contenuto in tutti i prodotti della linea Cetilar. Dopo la concessione dello stesso in India e Cina, ora la Federazione Russa si aggiunge alla lista dei Paesi che riconoscono il brevetto, ampliando e consolidando ancora le strategie di sviluppo internazionali dell'azienda.

"La ricerca scientifica è da sempre il motore di PharmaNutra e questi tre nuovi brevetti ne sono l'ulteriore conferma. Si tratta di importanti aggiornamenti relativi alla nostra tecnologia sucrosomiale, dal notevole potenziale e con eccellenti prospettive di sviluppo a medio-lungo termine", ha dichiarato il presidente del gruppo, Andrea Lacorte. "Sono certo che anche in questa occasione il mercato saprà riconoscere il valore di questi nuovi asset strategici, frutto del lavoro impeccabile e innovativo del nostro reparto scientifico". La notizia sempre avere un effetto positivo sul titolo Pharmanutra, che al segmento Star di Borsa italiana segna al momento un rialzo dello 0,81% a quota 74,60 euro. (riproduzione riservata)