Perché i titoli bancari Usa sono diventati dei meme
Perché i titoli bancari Usa sono diventati dei meme
I titoli delle banche regionali come PacWest prima del marzo scorso erano noiose per i trader attivi. Poi è successo di tutto grazie al ruolo fondamentale dei social media

di di Gunjan Banerji 25/05/2023 19:30

Ftse Mib
32.595,77 9.56.54

-0,34%

Dax 30
17.581,07 9.56.57

+0,14%

Dow Jones
38.972,41 9.55.34

-0,25%

Nasdaq
16.035,30 7.25.12

+0,37%

Euro/Dollaro
1,0817 9.41.51

-0,29%

Spread
145,26 10.11.29

+1,01

Questo è l’anno in cui i titoli bancari sono diventati dei meme. Dallo scorso marzo, le azioni di banche come PacWest hanno avuto un andamento altalenante. Le cattive notizie, tra cui la perdita di depositi, le hanno fatte precipitare, ma le buone notizie, come gli accenni a maggiori sostegni da parte del Governo, le hanno fatte impennare.

Le brusche virate sono state ingigantite dalle stesse forze che avevano messo il turbo a GameStop e Amc un paio di anni fa: la diffusione lampo di fatti e voci sui social media, il forte interesse degli investitori, e l’uso di opzioni e altri strumenti che possono amplificare l’impatto delle operazioni.

Questo mese ci sono stati scambi record delle azioni di banche regionali e il numero di scommesse in opzioni contro il settore è esploso. Le grandi istituzioni di Wall Street e i singoli investitori partecipano alimentando le vendite e gli acquisti reciproci.

Il ruolo dei social media

I trader alle prime armi stanno inondando i social media con teorie apocalittiche sulla prossima banca che potrebbe fallire. Altri stanno invece facendo incetta di titoli bancari, speculando sul fatto che presto ci sarà un’epica impennata delle azioni. Di conseguenza, il mercato passa dalla calma al caos molto velocemente. «Le tessere del domino continueranno a cadere mentre l’attrazione gravitazionale fa a pezzi altre banche», ha scritto un utente in un giorno in cui le azioni PacWest sono scese dell’11%.

Prima di marzo, gli investitori singoli non prestavano molta attenzione alle banche regionali in quanto troppo noiose rispetto a GameStop, Amc o Tesla. Le oscillazioni delle azioni possono essere punitive per qualsiasi azienda, ma possono essere fatali per le banche, dove la moneta corrente è la fiducia. Sebbene un crollo del prezzo delle azioni non dovrebbe avere alcun effetto immediato sulla capacità di una banca di soddisfare i propri obblighi finanziari, ciò può spingere i depositanti a ritirare il proprio denaro. Ed è proprio ciò che succede. «Si può scatenare un vero e proprio panico,» ha dichiarato Cem Karsan, fondatore della società di investimenti Kai Volatility Advisors di Chicago.

L’effetto economico è, a sua volta, potenzialmente più grave. GameStop vende videogiochi, le banche fanno mutui e prestiti alle imprese. Per questo motivo alcuni esponenti del settore bancario hanno chiesto alle autorità di regolamentazione di vietare le vendite allo scoperto di azioni di società finanziarie.

Alta volatilità e rischi di corsa agli sportelli

Karsan è un volatility trader, ossia non prende posizioni rialziste o ribassiste sui titoli in base ai loro fondamentali, ma cerca invece di trarre profitto dalle oscillazioni del mercato azionario. Questo mese ha iniziato a comprare opzioni che avrebbero tratto profitto se gli esplosivi alti e bassi delle azioni delle banche regionali fossero continuati.

I dirigenti di banche sono in ansia, preoccupati che i cali delle loro azioni possano spaventare i clienti reali. Alla Western Alliance, un’altra banca di medie dimensioni finita sotto il microscopio, le azioni sono crollate del 47% in un solo giorno dopo il fallimento della Silicon Valley Bank a marzo, registrando il più grande calo in un solo giorno dall’inizio delle contrattazioni nel 2005. La colpa è da attribuire all’elevata attività delle opzioni e delle scarse contrattazioni prima della campanella di apertura, come ha dichiarato il direttore finanziario Dale Gibbons in una recente conferenza stampa sugli utili. Questo, a sua volta, ha fatto sì che alcuni clienti ritirassero i loro depositi.

Gibbons ha dichiarato in un’intervista che quando i depositi hanno iniziato a diminuire, la banca ha ridotto i prestiti e ha cominciato a incontrare i clienti per rassicurarli sulle finanze della banca. «Non si può fare affidamento sulle azioni come indicatore affidabile della salute di un istituto finanziario», ha detto riferendosi alla recente volatilità.

Nel caso di Silicon Valley Bank, l’aumento dei tassi di interesse ha lasciato la banca con miliardi di dollari in perdite potenziali alla fine dello scorso anno. I clienti hanno cercato di prelevare 42 miliardi di dollari in un solo giorno, spingendo le autorità di regolamentazione a chiudere la banca.

La scorsa settimana, in una testimonianza al Congresso, l’ex ceo Greg Becker ha attribuito ai social media la responsabilità della corsa ai depositi. La crisi bancaria del 2008 non fu così: i trader domestici esistevano già, e anche i social media ovviamente. Tuttavia, gli influencer del mercato e il pubblico in generale non avevano lo stesso tipo di seguito online. Twitter era appena nato, e il famoso forum di Reddit, WallStreetBets, non esisteva ancora. All’epoca, le persone facevano raramente trading con i cellulari e, a differenza di oggi, dovevano pagare qualche dollaro ogni volta che compravano o vendevano qualcosa. Gli angoli più esoterici del mercato come le opzioni erano per lo più fuori dal radar dei dilettanti.

Il terremoto Ftx

Per PacWest, un istituto di credito californiano di medie dimensioni, con circa 70 filiali, le nuove forze di mercato si sarebbero scontrate nella prima settimana di maggio. Le avvisaglie, tuttavia, erano iniziate in autunno. L’implosione della borsa delle criptovalute Ftx aveva messo in allarme alcuni trader sulle banche legate alle criptovalute, tra cui Signature Bank. L’aumento dei rendimenti obbligazionari ha messo a rischio le finanze delle banche, e alcuni analisti e investitori hanno iniziato a esaminare più da vicino i propri bilanci.

Alcuni trader erano sicuri che qualcos’altro, nei mercati finanziari, sarebbe andato storto, dato che la Federal Reserve (Fed) continuava ad aumentare i tassi di interesse. Ed è successo a marzo, con il crollo di Silicon Valley Bank il venerdì e la chiusura di Signature Bank due giorni dopo. Gli investitori hanno cominciato a cercare altri anelli deboli.

Lunedì 13 marzo, all’apertura del mercato, le azioni di PacWest hanno subito un brusco calo del 21% dopo una frenetica sessione di trading, attestandosi a 9,75 dollari. Una settimana prima avevano chiuso a 27,40 dollari. Un portavoce di PacWest non ha voluto commentare la volatilità. Nelle settimane successive, le azioni hanno oscillato, con salti o cali a due cifre in diversi giorni. Il 28 aprile, le azioni PacWest hanno chiuso a 10,15 dollari. Le cose sono peggiorate.

Lunedì 1 maggio

Le autorità di regolamentazione sequestrano First Republic Bank, una banca regionale con sede a San Francisco, nota per la sua clientela benestante, e che stava perdendo depositi da settimane. Si trattava del secondo più grande fallimento bancario nella storia degli Stati Uniti. La Fed sperava che i trader pensassero che le turbolenze bancarie fossero finite. Non è stato così.

Daniel Betancourt, trentenne proprietario di un pub a Pomona, in California, era solito scommettere sul rialzo delle azioni, ma ora faceva il contrario. Settimane prima, ha detto di aver vinto molto con le scommesse contro la Signature Bank. Le azioni di molte banche regionali stavano scivolando. Betancourt racconta di aver notato un’attività di opzioni legate a PacWest che gli è sembrata strana e ha sospettato che un grande operatore istituzionale potesse sapere qualcosa che lui non sapeva. Ha fatto incetta di opzioni put legate a PacWest che avrebbero tratto profitto se le azioni fossero scese fino a 5 dollari. Quel giorno, le azioni PacWest sono scese dell’11% a 9,07 dollari.

Martedì 2 maggio

I titoli delle banche regionali continuano a scendere. Secondo la piattaforma di social-media marketing Hootsuite, le menzioni sui social media legate a PacWest sono aumentate di oltre 10 volte rispetto al giorno precedente. Alcuni blogger e appassionati di trading su Twitter hanno previsto il fallimento della banca.

I venditori allo scoperto hanno continuato a scommettere contro le azioni. All’inizio dell’anno, secondo la società di analisi dei dati S3 Partners, circa il 4% delle azioni di PacWest era oggetto di shorting. Nei mesi di marzo e aprile, la percentuale è salita al 21% e ora si aggira intorno alle dieci unità.

In quelle 48 ore PacWest non ha rivelato nulla di rilevante riguardo a cambiamenti nella sua attività o nelle sue finanze. Il crollo del prezzo delle azioni rischiava di intaccare le finanze dell’azienda innescando ritiri. Le azioni sono scese del 28% a 6,55 dollari.

Mercoledì 3 maggio

La Fed ha aumentato i tassi e le azioni delle banche hanno continuato a scendere. Secondo Vanda Research, gli investitori individuali hanno acquistato azioni di PacWest per tutta la settimana, sperando di ottenere il titolo a buon mercato e di risalire la china. Tuttavia, l’acquisto non ha funzionato: le azioni hanno continuato a scendere.

Le menzioni sui social media di PacWest hanno continuato a salire, con quasi 42.000 post che facevano riferimento alla banca su Twitter, Facebook, e Reddit, secondo Hootsuite. Il mercoledì precedente erano meno di 3.000. «Sono venuto per uccidere le banche,» ha detto Betancourt in una chat room per investitori che ospita su Discord. Le azioni PacWest sono scese di un altro 2% a 6,42 dollari.

Dopo la campanella di chiusura è arrivata una notizia di Bloomberg secondo cui PacWest starebbe valutando la possibilità di vendersi. Le azioni sono crollate di oltre il 50% dopo la chiusura. PacWest ha cercato di allentare la tensione, rilasciando una dichiarazione dopo la mezzanotte in cui affermava di non aver subito alcun flusso di depositi fuori dall’ordinario, che stava procedendo con i piani per aumentare il suo rapporto di capitale e che stava parlando con potenziali partner e investitori. «Domani sarà una giornata pazzesca !!!!!» ha scritto un trader nella chat room di Betancourt.

Giovedì 4 maggio

Betancourt riuscì a malapena a dormire quella notte, eccitato all’idea di incassare i suoi trade ribassisti. Le azioni PacWest sono crollate all’apertura dei mercati e lui ha colto l’occasione. La compravendita di opzioni put sulle azioni PacWest, ovvero il tipo di operazioni che porterebbero profitto se le azioni continuassero a scendere, è balzata al livello più alto mai registrato, secondo i dati di Cboe Global Markets dal 2008. Anche una misura delle opzioni, che tiene conto del costo dell’assicurazione contro un ulteriore calo delle azioni della banca, ha raggiunto un livello massimo, secondo i dati Cboe che risalgono al 2010.

I contratti che Betancourt aveva acquistato valevano ora circa quattro volte di più di quanto li aveva pagati, ha detto. Sua moglie sospettava che ci fosse qualcosa di strano quando era al computer all’alba. Nella sua chat room Discord, i trader festeggiavano, scambiandosi schermate di operazioni vincenti o meme di Leonardo DiCaprio di The Wolf of Wall Street e Steve Carell di La grande scommessa.

Betancourt e sua moglie, che ha dato il benvenuto a una bambina in aprile, chiamano le sue vincite «il fondo per il college». Betancourt si è rimesso al lavoro. «Sto solo cercando un’altra banca che vada a zero,» ha detto. I depositanti della PacWest erano innervositi. La banca ha poi reso noto che i clienti hanno ritirato quasi il 10% dei depositi durante la settimana, soprattutto il 4 e il 5 maggio. Il giovedì le azioni PacWest sono scese del 51% a 3,17 dollari, il minimo storico. Il camionista Liam Brannigan, che cercava di riposare prima del suo turno mattutino, non riusciva a dormire.

Venerdì 5 maggio

Brannigan, 40 anni, teneva d’occhio i titoli delle banche regionali da metà marzo, seguendo i video di YouTube e i commenti su Reddit tra un turno e l’altro di consegna di verdure ai negozi di alimentari del Canada occidentale. Gradualmente ha accumulato azioni di PacWest.

Il crollo di giovedì non aveva senso per lui. Pensava che il titolo fosse ingiustamente preso di mira dai venditori allo scoperto e che gli shortisti fossero grandi aziende di Wall Street. Brannigan aveva anche notato che i dirigenti di PacWest avevano risposto alle domande degli analisti durante la telefonata sugli utili di aprile, a differenza dei dirigenti di First Republic.

Brannigan stava percorrendo l’autostrada al buio nei pressi di Victoria, nella Columbia Britannica, all’inizio di venerdì, quando ha deciso di raddoppiare il capitale. Ha abbandonato tutti gli altri investimenti, tra cui titoli farmaceutici e società legate all’intelligenza artificiale, e ha premuto il pulsante di acquisto sul suo telefono, montato sul cruscotto del camion. Ha versato più di 1.000 dollari in azioni di PacWest intorno all’apertura del mercato.

Secondo FactSet, quel giorno le azioni PacWest sono passate di mano più di 135 milioni di volte. Nel giorno medio di febbraio, le azioni sono state scambiate circa 1,4 milioni di volte. Quel giorno gli investitori individuali hanno acquistato azioni PacWest per un valore netto di quasi 5 milioni di dollari, uno dei livelli più alti mai registrati, secondo Vanda Research. Le azioni PacWest sono balzate dell’82% a 5,76 dollari. Brannigan è soddisfatto della sua decisione. «Ho fatto un ottimo affare», ha detto. «Saranno in giro per anni».

Le conseguenze

Le oscillazioni folli sono continuate. Le azioni PacWest sono scese del 21% la settimana successiva. La settimana scorsa sono salite del 26%. Le azioni sono salite del 20% lunedì e di un altro 8% martedì, chiudendo a 7,38 dollari. La banca ha dichiarato lunedì di aver concluso un accordo per la vendita di un portafoglio di prestiti immobiliari.

Gli operatori si stanno abituando ai grandi movimenti. «Quando ho iniziato a fare questo mestiere 20 anni fa, una variazione del 3% o del 5% era come dire: “Porca vacca”,» ha detto R.J. Grant, responsabile del trading azionario di Keefe, Bruyette & Woods (KBW). «Ora è come dire: “Va bene, cosa c’è per pranzo?”».