Mutui, cosa cambia con il nuovo aumento dei tassi Bce
Mutui, cosa cambia con il nuovo aumento dei tassi Bce
Le rate dei mutui variabili potrebbero salire del 48% a 1.100 euro. Stabile il tasso fisso per i nuovi sottoscriventi. Crescono le surroghe e calano gli importi richiesti

di Rossella Savojardo 16/03/2023 16:01

Ftse Mib
32.586,14 10.33.45

-0,37%

Dax 30
17.582,01 10.33.52

+0,15%

Dow Jones
38.972,41 9.55.34

-0,25%

Nasdaq
16.035,30 7.25.12

+0,37%

Euro/Dollaro
1,0803 10.18.54

-0,41%

Spread
144,10 10.48.42

-0,15

La Banca Centrale Europea continua ad aumentare i tassi nonostante l’inflazione sia in calo nella zona euro e il sistema bancario stia palesando non poche difficoltà. La mossa è volta a frenare la fiammata dei prezzi ma ha ripercussioni sui mutui e i prestiti di imprese e famiglie. Quello del 16 marzo si classifica come il sesto rialzo dei tassi di interesse dal luglio dell’anno scorso, quando la Bce ha messo la parola fine alla politica dei tassi zero.

Le rate dei mutui variabili potrebbero salire del 48%

Secondo gli ultimi calcoli di Facile.it, l’aumento dei tassi di Francoforte potrebbe portare le rate del mutuo variabile preso in esame a salire del 48% rispetto alla rata originale. Secondo le simulazioni se l’incremento Bce si riflettesse in maniera speculare sull’Euribor, la rata di un mutuo a tasso variabile standard passerebbe dai 745 euro di giugno scorso ai 1.100 euro del secondo trimestre 2023. Un incremento di 355 euro. 

«La buona notizia, se così vogliamo considerarla», spiegano gli esperti di Facile.it, «è che alla luce delle vicende Svb e Credit Suisse, sono cambiate le aspettative future dei mercati, che ora scommettono su aumenti più contenuti nei prossimi mesi e sulla possibilità che la Bce rallenti, se non addirittura interrompa, il trend rialzista». Fino a pochi giorni fa, guardando i Futures sugli Euribor, la rata del finanziamento preso in esame sarebbe potuta arrivare a giugno 2023 a 1.174 euro, mentre oggi gli analisti prevedono invece che possa salire a 1.111 euro. «Per capire come cambieranno nella realtà le rate dei mutuatari bisognerà aspettare di vedere come si muoverà effettivamente l’Euribor, la cui volatilità è aumentata notevolmente nelle ultime ore a seguito delle vicende Svb e Credit Suisse», concludono gli analisti. 

Cosa succede al tasso fisso?

Per chi invece ha sottoscritto già un mutuo a tasso fisso, la rata resterà invariata. L’offerta sarà diversa, invece, per i nuovi mutuatari. Stando però alle ultime analisti di MutuiOnline, l’indice del tasso fisso (Irs) è stabile rispetto all’Euribor che continua a crescere, portando i tassi variabili quasi allo stesso livello dei fissi: a febbraio il tasso medio è 3,52% per il variabile e 3,58% per il fisso. «I primi due mesi del 2023», spiegano da MutuiOnline, «sono caratterizzati da un ritorno delle richieste a tasso fisso, grazie allo spread ridotto con il variabile, che ora rappresentano l’80,3% del mix (+34,3% rispetto al quarto trimestre 2022)».

Crescono le surroghe e calano gli importi richiesti

Una famiglia su quattro teme di avere difficoltà a pagare regolarmente le rate del mutuo nel prossimo anno, complice una situazione economica complessiva che desta preoccupazioni. È quanto emerge dall’indagine condotta da Nomisma per Esdebitami Retake, società benefit operante nel settore creditizio. 

Il 36% delle famiglie italiane con mutuo percepisce una situazione economica lievemente peggiorata nell’ultimo anno mentre per il 9% è nettamente peggiorata. Il 65% degli intervistati si è dichiarato preoccupato soprattutto per la situazione economica della propria famiglia, resa ancora più instabile dall’aumento del costo della vita e dal rialzo dei tassi di interesse sui mutui. 

Per far fronte all’aumento delle rate, e tutelarsi da ulteriori futuri rincari, molti mutuatari stanno valutando la possibilità di cambiare banca, a conferma di questo trend arrivano altri dati di Facile.it, che hanno messo in luce come le richieste di surroga siano tornate a crescere e, nei primi due mesi dell’anno, abbiano rappresentato quasi il 20% del totale delle domande di finanziamento, valore raddoppiato rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

«Chi ha un mutuo a tasso variabile e vuole cambiare, oggi ha diversi strumenti a disposizione», continuano gli esperti, «può scegliere di surrogare il finanziamento, o, se si hanno i requisiti, rinegoziare il mutuo con la propria banca sfruttando magari le nuove regole introdotte del Governo».

L’aumento dei tassi riguarda anche gli aspiranti mutuatari, che devono fare i conti con condizioni meno favorevoli rispetto al passato. Non sorprende vedere che, negli ultimi mesi, chi ha presentato domanda di finanziamento per l’acquisto della prima casa abbia puntato a importi più contenuti rispetto al passato. Sempre secondo l’analisi di Facile.it, nei primi due mesi del 2023 la richiesta media per mutui prima casa è scesa a 136.935 euro, valore in calo del 7% rispetto allo stesso periodo del 2022. (riproduzione riservata)