La disperata escalation di Putin sull’Ucraina

di The Editorial Board 22/09/2022 20:58

La disperata escalation di Putin sull’Ucraina
 
  ULTIMO   VAR
Spread 242,24
17.29.49

+10,40%

L'ultima escalation di Vladimir Putin in Ucraina non è una dimostrazione di forza. La mobilitazione militare annunciata mercoledì 21 settembre, insieme alle nuove minacce nucleari, può tranquillizzare per un po' i suoi critici della linea dura in Russia. Ma questo non dissuaderà l'Ucraina dal continuare la sua offensiva militare e non dovrebbe dissuadere l'Occidente dall'accelerare gli aiuti militari alle forze di Kiev.

Putin ha annunciato quella che ha definito una "mobilitazione parziale" che potrebbe raggiungere i 300 mila riservisti, il che sembra impressionante. Ma il richiamo è un'ammissione che la campagna del Cremlino in Ucraina sta fallendo e che le sue forze attuali sono esauste e inadeguate.

I riservisti non sono truppe indurite dalla battaglia che possono correre immediatamente in prima linea. Avranno bisogno di addestramento, poiché molti di loro sono ex soldati di leva, non professionisti dell'esercito. La Duma russa sta approvando una legge per inasprire le pene per l'elusione della mobilitazione e la diserzione, il che suggerisce la preoccupazione che molti non si presentino o se lo fanno, non combattano.

Il richiamo parziale, inoltre, è ben lontano da un'azione di guerra completa, o da una leva militare, che arruolerebbe i figli delle élite di Mosca e San Pietroburgo. Un arruolamento provocherebbe una maggiore opposizione interna, poiché diventa chiaro che quella che Putin chiama la sua "operazione militare speciale" ha messo a repentaglio molto più della mancata possibilità di mangiare al McDonald's, ora chiuso.

La minaccia di usare armi nucleari

Putin ha anche rinnovato la minaccia, già formulata all'inizio della guerra, di usare armi nucleari. Il Cremlino sta sottolineando la minaccia preparandosi a indire referendum affrettati per decidere se quattro regioni occupate dell'Ucraina debbano aderire alla Federazione Russa: Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhzhia. La Russia ha annesso la Crimea nel 2014 con un referendum simile. Putin usa queste votazioni truccate per dare una parvenza di legittimità alle sue acquisizioni di territorio in Ucraina.

La minaccia implicita di Putin è che, se l'Ucraina continuerà a reclamare questi territori, sarà giustificato l'uso di un'arma nucleare tattica per difendere quella che ora sarà la patria russa. I referendum prevarranno senza dubbio, perché milioni di elettori pro-Ucraina sono fuggiti dopo l'invasione russa del 2014 e di quest'anno.

Ma nessun altro, a parte i compari globali della Russia, riconoscerà quei voti come legittimi. Secondo un sondaggio dell'Istituto Repubblicano Internazionale, un organismo senza scopo di lucro, l’anno scorso solo il 21% dei residenti di Kherson e il 32% di quelli di Zaporizhzhia hanno descritto il loro atteggiamento verso la Russia come caloroso. In entrambi i casi, la maggioranza dei cittadini era favorevole all'adesione alla Nato. E questo prima che la Russia iniziasse a bombardare le città ucraine.

I rischi dell'annessione

L'annessione comporta anche dei rischi per Putin se l'Ucraina continuerà a riprendersi il territorio. Dovrà spiegare perché le sue forze stanno perdendo un territorio che ha appena dichiarato essere della Russia. Forse è pronto a usare le armi nucleari, e la minaccia deve essere presa sul serio. Ma un passo del genere porterebbe sicuramente a un maggiore sostegno della Nato all'Ucraina e metterebbe a repentaglio il sostegno globale di cui gode ancora la sua guerra.

La scorsa settimana il Primo Ministro indiano ha tenuto una lezione pubblica a Putin sulla guerra. Il sostegno cinese alla guerra russa è sempre più tiepido, anche se è ancora felice di acquistare petrolio e gas a un prezzo notevolmente scontato. L'uomo forte della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha dichiarato questa settimana che la Russia deve lasciare il territorio ucraino, compresa la Crimea. L'Europa occidentale sembra pronta a sopportare un inverno freddo con forniture di gas russo ridotte.

Il sostegno militare degli Stati Uniti a Kiev                                                                                            

Tutto ciò rende merito ai sacrifici e alla tenacia dell'Ucraina nel resistere alla Russia molto meglio di quanto gli esperti occidentali si aspettassero. E giustifica anche il sostegno militare degli Stati Uniti a Kiev, che per mesi è stato troppo lento, ma che ora sta facendo una differenza decisiva con il sistema di missili di precisione a più lungo raggio Himars.

Come dimostra l'annuncio di Putin, la guerra non è finita. L'opzione migliore per i russi, a questo punto, sarebbe quella di cercare un accordo negoziale con l'Ucraina, ma Kiev capisce che questa è la sua migliore occasione per cacciare la Russia dal suo territorio. Una tregua darebbe alla Russia il tempo di consolidare la sua occupazione e di lanciare un altro assalto in futuro.

Una tregua anticipata è inoltre meno probabile quanto più il mondo viene a conoscenza delle atrocità russe nelle aree occupate e liberate dall'Ucraina. Le ultime prove provengono dalla città di Izyum, recentemente liberata, dove gli investigatori ucraini hanno scoperto delle fosse comuni. Come a Irpin e Bucha, fuori Kiev, alcuni dei cadaveri portano segni di tortura. Gli ucraini hanno ragione di chiedere tribunali per i crimini di guerra.

Una tregua sarebbe possibile se la Russia abbandonasse l'invasione e cedesse il territorio che ha conquistato. In mancanza di ciò, questo è il momento di accelerare le consegne di armi all'Ucraina, compresi carri armati, jet da combattimento e missili Atacms a lungo raggio. Questa è la strada più veloce per convincere Putin che la sua invasione è fallita e che deve contenere le perdite. (riproduzione riservata)