La diretta da Wall Street | Borse Usa in rialzo, l’S&P500 (+1%) per la prima volta sopra i 5.600 punti
La diretta da Wall Street | Borse Usa in rialzo, l’S&P500 (+1%) per la prima volta sopra i 5.600 punti
Anche se Jerome Powell avverte: i tassi Fed non torneranno vicini allo zero. Domani arrivano i dati sull’inflazione. Tesla all’undicesimo rialzo consecutivo. Microsoft e Apple fanno un passo indietro dal board di OpenAI

di Cecilia Emily Gadina e Anna Di Rocco 10/07/2024 14:16

Ftse Mib
34.215,84 23.50.35

-0,91%

Dax 30
18.171,93 23.50.35

-1,00%

Dow Jones
40.287,53 6.27.07

-0,93%

Nasdaq
17.726,94 23.50.35

-0,81%

Euro/Dollaro
1,0885 23.00.31

-0,06%

Spread
131,41 17.29.55

+1,69

Chiusura positiva a Wall Street, con un nuovo record per l’S&P500 (+1%) che supera per la prima volta i 5.600 punti. Dow Jones +1,1%, Nasdaq +1,2%. Tesla (+0,3%) mette a segno l’undicesimo rialzo consecutivo. Gli operatori hanno ascoltato con attenzione le parole del presidente della banca centrale americana, Jerome Powell, mentre aspettano i dati sull’inflazione di giugno in calendario domani 11 luglio. 


Jerome Powell, presidente della Federal Reserve,  parlando alla Camera ha escluso che i tassi di interesse possano tornare vicino allo zero, ammettendo di non essere pronto a concludere che l’inflazione si stia muovendo in modo sostenibile verso l’obiettivo del 2%. «Penso che probabilmente non torneremo a quell’era tra la crisi finanziaria e la pandemia, quando i tassi e l’inflazione erano molto bassi», ha detto il presidente della Fed parlando al Congresso. «La sensazione che ho è che la politica debba essere restrittiva ma non in modo intensivo» , ha aggiunto. 

Ore 17:00. Borse Usa in lieve rialzo mentre Jerome Powell (Fed) parla alla Camera

I listini azionari statunitensi proseguono la sessione in lieve rialzo. Alle 17:00 il Dow Jones avanza dello 0,1%, l’S&P 500 sale dello 0,2% e il Nasdaq dello 0,3%. Gli operatori sono in attesa dei dati sull’inflazione per il mese di giugno in calendario domani 11 luglio. 

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, è tornato al Congresso per un secondo giorno di testimonianza, questa volta di fronte alla Camera. I mercati analizzeranno le parole del presidente della Fed per ulteriori indizi sulle prospettive di politica monetaria

Ieri, parlando al Senato, Powell ha avvertito dei rischi di attendere troppo  per iniziare a tagliare i tassi d’interesse, pur notando che i miglioramenti sull'inflazione hanno rallentato il passo e che, quindi, non è ancora appropriato procedere con un taglio.

Sull'azionario, Nvidia sale dell’1,9%, proseguendo il rally innescato ieri (+2,48%) dopo il rialzo del target price da 130 a 150 dollari annunciato dall'analista John Vinh di KeyBanc, che ha motivato la decisione citando la forte domanda per i modelli più costosi delle nuove Gpu denominate Blackwell. Anche Carvana, piattaforma di e-commerce di auto, prosegue la seduta in rialzo (+3,3%) in scia all'upgrade di Needham a buy da hold. 

Ore 15:30. Borse Usa positive prima del discorso di Jerome Powell (Fed) alla Camera. Cinque titoli da monitorare

Wall Street apre la seduta in leggero rialzo. Alle 15:30 il Dow Jones è piatto, mentre l’S&P 500 sale dello 0,2% e il Nasdaq dello 0,5%. Il 9 luglio, sia l’S&P sia il Nasdaq hanno aggiornato i massimi storici, chiudendo la seduta di nuovo a livelli record (per l’S&P è la 36esima chiusura record da inizio 2024).

L’entusiasmo del mercato deriva in parte dalle rassicurazioni del presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, che il 9 luglio ha testimoniato di fronte al Senato, e il 10 luglio lo rifarà alla Camera. Nonostante Powell abbia ribadito che la banca centrale procederà con un approccio cauto, ha comunque riconosciuto il miglioramento del livello di inflazione nel paese. In ogni caso, i tassi rimarranno fermi al livello attuale almeno fino a settembre. Sul fronte macro, le richieste di mutui sono scese dello 0,2% dopo il calo del 2,6% della settimana precedente.

Nel pomeriggio usciranno i dati sulle scorte di petrolio (previsti per le 16:30) e verso sera si vedranno le stime sulla crescita del pil pubblicate dalla Fed di Atlanta. Inoltre si terrà l’asta per i titoli del Treasury decennali (alle 19:00). A questo riguardo, i rendimenti dei Treasury trattano in calo dopo dichiarazioni di Powell su tassi. Il costo di finanziamento del biennale Usa è al 4,6% e quello del decennale al 4,3%. La giornata inizia fiacca per il petrolio: il Brent e Wti trattano piatti. Stessa storia per il cambio euro-dollaro che resta invariato a 1,082.

1. Microsoft e Apple fanno un passo indietro dal board di OpenAI

Alle 15:30 i titoli di Apple e Microsoft guadagnano lo 0,9% e lo 0,1%, rispettivamente. I due giganti tech rinunceranno al posto dei propri rappresentati nel consiglio di amministrazione di OpenAI. Microsoft ha ottenuto il ruolo di osservatore dopo aver finanziato l’azienda di intelligenza artificiale con circa 13 miliardi. Apple invece ha nominato il suo rappresentante nel cda il 3 luglio. Tuttavia, Bloomberg riporta che anche Cupertino dovrebbe rinunciare al ruolo. 

2. Cambiamenti ai vertici di 3M

Alle 15:30 le azioni di 3M sono in calo dell’1,4% dopo l’annuncio del capo finanziario, Monish Patolawala, del conglomerato industriale che lascerà la posizione entro fine mese per «seguire un’altra opportunità».

Da quando Parolawala è entrato nella carica, il valore del titolo ha perso il 23% a causa di una diminuzione della domanda per i prodotti elettronici della azienda. Di conseguenza, la 3M Company ha dovuto effettuare un’operazione di riorganizzazione drastica che ha visto la riduzione di migliaia di posti di lavoro e la nomina di Bill Brown alla posizione di ceo. 

3. xAI di Musk rinuncia all’aiuto di Oracle

Alle 15:30 il titolo di Oracle sale dello 0,1%. Le trattative tra la multinazionale di software e xAi, la startup di intelligenza artificiale di Elon Musk, non sono andate a buon fine. Oracle avrebbe dovuto fornire al miliardario americano un server da 10 miliardi. L’accordo in particolare riguardava l’estensione di un contratto già esistente in base al quale xAi avrebbe dovuto noleggiare i chip di intelligenza artificiale di Nvidia da Oracle per lo sviluppo di un supercomputer. Ora la startup di Musk si costruirà il sistema da sola.

4. Jefferies consiglia Walmart

Alle 15:30 le azioni di Walmart guadagnano lo 0,1% dopo il giudizio positivo della banca d’investimento Jefferies. Il gigante del retail è guardato di buon occhio dagli analisti perché continuerà a espandersi e aprirà cinque centri di distribuzione automatizzati per alimentari deperibili.

5. Honeywell acquisisce Air Products and Chemicals a 1,81 miliardi 

Alle 15:30 il titolo di Honeywell sale dell’1,1%. La società ha annunciato che acquisirà il business di tecnologia di gas naturale liquefatto di Air Products and Chemicals in un'operazione da1,81 miliardi. L'acquisizione dovrebbe avere un effetto positivo immediato sulle vendite e i margini, mentre sull'utile per azione sarà avvertito nell’anno successivo all'acquisizione. (riproduzione riservata)