Investimenti, non rinunciate ora al mercato azionario

di Burton G. Malkiel 22/09/2022 20:38

Investimenti, non rinunciate ora al mercato azionario
 
  ULTIMO   VAR
Spread 242,24
17.29.49

+10,40%

Gli investitori azionari hanno un elenco crescente di preoccupazioni. Non lasciatevi ingannare dal calo dei prezzi del petrolio: l'inflazione si è dimostrata ostinatamente appiccicosa. I costi per l'assistenza sanitaria e gli alloggi sono in aumento e l'inflazione di base (esclusi cibo ed energia) rimane elevata.

Sembra che la Federal Reserve non abbia altra scelta che continuare ad aumentare i tassi di interesse, rendendo sempre più probabile una recessione. E questo è solo nel breve termine; abbondano anche le preoccupazioni a più lungo termine. La crescita demografica si è moderata e gli Stati Uniti stanno invecchiando rapidamente, il che suggerisce che la carenza di manodopera potrebbe mettere sotto pressione la crescita e l'inflazione. I fattori strutturali che hanno frenato l'inflazione, come la globalizzazione, si stanno indebolendo. L'aumento del protezionismo, l'avversione per l'immigrazione e la balcanizzazione delle catene di approvvigionamento non faranno che esacerbare le tendenze alla stagflazione. L'economia potrebbe facilmente trasformarsi in una combinazione stile anni '70 di inflazione persistente e crescita insoddisfacente.

Nessuno di questi esiti è predestinato, e i macroeconomisti non sono riusciti a prevedere alcuni degli eventi più importanti del secolo scorso. Tuttavia, vale la pena prepararsi alla possibilità di risultati economici disastrosi e chiedersi se i consigli standard per gli investitori, come quello di affidarsi alle azioni per ottenere generosi rendimenti di lungo periodo, debbano essere modificati nel caso in cui si verifichi il peggio.

Questo aspetto è particolarmente importante perché, anche dopo il recente calo dei prezzi delle azioni, le valutazioni rimangono elevate. Il multiplo prezzo-utili aggiustato per il ciclo, o Cape, si attesta attualmente a 29 per il mercato nel suo complesso. È inferiore al recente picco di 38 raggiunto nel dicembre 2021 e ben al di sotto del picco storico di 44 raggiunto all'apice della bolla delle dot-com all'inizio del 2000. Tuttavia, è sostanzialmente superiore alla media, pari a 16. Sebbene i multipli Cape non siano in grado di prevedere l'andamento del mercato nel breve periodo, presentano un'elevata correlazione con i rendimenti a lungo termine. Storicamente, con valutazioni così elevate, i rendimenti azionari futuri a 10 anni sono stati ben al di sotto della media.

Le azioni sono state una copertura efficace contro l'inflazione per più di un secolo

Nonostante le incertezze, non è il momento di rinunciare alle azioni. Gli investitori a lungo termine che risparmiano per costruire un gruzzolo per la pensione devono investire in un portafoglio fortemente ponderato con azioni ordinarie. Le azioni, che rappresentano la proprietà di beni reali, sono state una copertura efficace contro l'inflazione per più di un secolo e probabilmente lo saranno anche in futuro.

I risparmiatori abituali possono sfruttare i vantaggi con piani di accumulo periodici di pari importo, che garantiscono che le partecipazioni non vengano acquistate a prezzi temporaneamente gonfiati e che alcune azioni vengano acquistate dopo un forte calo. Poiché si acquistano più azioni quando i prezzi sono bassi, il prezzo medio per azione sarà inferiore al prezzo medio a cui sono stati effettuati gli acquisti. Il metodo cosiddetto dollar-cost averaging consente agli investitori di ottenere rendimenti positivi anche quando le medie di mercato non aumentano. E quanto maggiore è la volatilità dei prezzi delle azioni, tanto maggiore è il potenziale di guadagno.

Consideriamo i due recenti periodi di ribasso del mercato azionario. Dal gennaio 1968 all'inizio del 1979, l'economia statunitense ha sofferto della stagflazione e della volatilità dei mercati azionari. Gli 11 anni si sono conclusi con un guadagno nullo per i principali indici. I 13 anni dal gennaio 2000, al culmine della bolla delle dot-com, sono stati altrettanto negativi. Le valutazioni delle azioni sono scese dai livelli elevati della bolla e le medie di mercato all'inizio del 2012 si trovavano allo stesso livello da cui erano partite all'inizio del millennio.

Tuttavia, nonostante le medie negative, gli investitori con il metodo del dollar cost averaging hanno ottenuto rendimenti positivi. Per ogni dollaro investito in un fondo indicizzato S&P 500 a basso costo, hanno guadagnato il 5,2% all'anno durante il periodo di stagflazione e il 5,7% nel periodo post-bolla, ipotizzando il reinvestimento di tutti i dividendi. Nonostante i rendimenti modesti, hanno superato l'inflazione. Quindi, anche se i nostri peggiori timori si avverano per quanto riguarda le valutazioni e la stagflazione, l'investitore azionario costante può ancora trarre vantaggio.

I vantaggi di un portafoglio ampiamente diversificato

C'è un'avvertenza. Per i pensionati che devono vendere una parte dei loro investimenti per far fronte alle spese di vita, farlo con le vendite periodiche non è la strategia ottimale, perché comporterebbero la liquidazione di un numero maggiore di azioni proprio quando i prezzi sono bassi. L'approccio più appropriato consiste nel detenere un portafoglio ampiamente diversificato, che comprenda strumenti a reddito fisso di durata limitata che possano essere liquidati senza perdite per finanziare i consumi.

Le azioni dovrebbero essere detenute anche per garantire la protezione dall'inflazione, ma dovrebbero essere orientate verso titoli che pagano dividendi elevati. Un'azione come IBM paga un dividendo del 5%, quindi le spese di vita possono essere finanziate senza dover vendere azioni. I fondi comuni di investimento a basso costo e gli Etf del segmento "azioni che puntano alla crescita dei dividendi" sono il veicolo azionario appropriato per fornire sia liquidità che protezione dall'inflazione a coloro che vivono con i risparmi della pensione.

Anche se le preoccupazioni economiche abbondano, non abbandonate ancora le azioni. Gli investitori più accorti sono in grado di affrontare un'economia di tipo ideale o di stagflazione e di uscirne con portafogli per lo meno indenni.

Malkiel è autore di "A Random Walk Down Wall Street", la cui edizione per il 50° anniversario è prevista per il 2023.