Intesa sindacati-governo sulle attività che restano aperte

di Andrea Pira 25/03/2020 17:20

Intesa sindacati-governo sulle attività che restano aperte
 
  ULTIMO   VAR
Spread 192,28
17.30.01

+0,98%

Cambia la lista delle attività che potranno continuare a operare in deroga alla chiusura delle imprese non essenziali. Governo e sindacati hanno raggiunto l’intesa per rivedere, restringendolo, l’elenco deciso domenica 22 marzo, con gli 87 codici ateco originariamente autorizzati a proseguire il lavoro.

Dovrebbero essere quindi qualche altra decina di migliaia le imprese che si dovrebbero fermare. "I prefetti dovranno coinvolgere le organizzazioni territoriali per la autocertificazione delle attività delle imprese che svolgono attività funzionali ad assicurare la continuità delle filiere essenziali, spiegano Cgil, Cisl e Uil in una nota diffusa la termine della videoconferenza con il ministro per lo Sviluppo economico, Stefano Patuanelli. Tra gli impegni quello della Difesa a diminuire la produzione nel settore militare, salvaguardando solo le attività indispensabili.

“Abbiamo ristretto le produzioni davvero indispensabili per garantire la continuità del nostro sistema sanitario e del settore dell’agro alimentare, cioè quelle che sono le produzioni davvero essenziali oggi nel nostro Paese in questo momento”, continuano i sindacati.

Dalle prime indicazioni le organizzazioni dei lavoratori avrebbero ottenuto tra l’altro di escludere dall’elenco la fabbricazione di articoli di gomma di macchine per l’agricoltura e per la silvicolture. Attività dei call  center in uscita (outbound) e dei servizi telefonici a carattere ricreativo, mantenendo come essenziale soltanto inbound per i centrali che ricevono chiamate.

L'accordo è  arrivato al termine di un lungo confronto tra i leader di Cgil, Cisl e Uil, Maurizio Landini, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo e i ministri Patuanelli e Roberto Gualtieri avviato ieri e durato fino a notte fonda. La riunione si è resa necessaria dopo la minaccia di uno sciopero generale avanzata dai sindacati per via dell'allargamento da parte dell'esecutivo dell'elenco delle attività che restano aperte nonostante l'emergenza. (riproduzione riservata)