Hera si aggiudica la gara ambiente da oltre 1,7 miliardi nel bolognese

di Francesca Gerosa 25/11/2021 13:25

Hera si aggiudica la gara ambiente da oltre 1,7 miliardi nel bolognese
 
  ULTIMO   VAR
Spread 130,18
17.30.08

-2,74%

Hera si aggiudica la gara ambiente nel bolognese. L'Agenzia territoriale dell'Emilia-Romagna per i servizi idrici e rifiuti (Atersir), agenzia di regolazione e stazione appaltante, ha aggiudicato ufficialmente al raggruppamento temporaneo di imprese (RTI), costituito tra Hera, Giacomo Brodolini Soc. Coop e Consorzio Stabile Ecobi, la gara per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati nel bacino territoriale di Bologna.

L'aggiudicazione riguarda, in particolare, 50 Comuni del bolognese, fra cui il Capoluogo, per un bacino di circa 1 milione di abitanti. La RTI guidata da Hera – già gestore uscente del servizio nei medesimi Comuni – metterà in campo rilevanti investimenti per estendere all'intero territorio modelli di raccolta che consentano la misurazione puntuale dei rifiuti, con la finalità di minimizzare i rifiuti indifferenziati conferiti e aumentare i quantitativi avviati a riciclo.

Il contratto, che sarà firmato nelle prossime settimane fra la multiutility e Atersir, ha un valore complessivo di oltre 1,7 miliardi di euro e un orizzonte temporale di 15 anni. Il bacino territoriale compreso nel contratto di servizio sarà dotato di modelli di raccolta con servizi e attrezzature innovativi, con un forte orientamento alla sostenibilità, alla riduzione dei rifiuti e all’incremento dei materiali riciclati.

Particolarmente soddisfatto il presidente di Hera, Tomaso Tommasi di Vignano: "un'aggiudicazione in continuità con la nostra presenza su quel territorio e che rappresenta una duplice conferma: da un lato, della qualità del nostro operato con una delle attività che, sin dalla sua nascita, hanno caratterizzato l'eccellenza di Hera; dall'altro, della competitività che il gruppo riesce a esprimere nel settore ambientale, anche davanti a procedure di gara di livello europeo, per affrontare le quali abbiamo sviluppato competenze specifiche che continuano a generare ricadute positive per l'azienda e per le comunità locali".

L'ad Stefano Venier ha sottolineato che con quest'assegnazione i 50 Comuni ricompresi nel nuovo contratto di servizio hanno tutti gli strumenti per affrontare la sfida della transizione verso una gestione dei rifiuti urbani sempre più evoluta e sostenibile e, più in generale, verso una vera economia circolare. "Obiettivi che grazie al nostro supporto e alle nostre competenze diventano realistici e concreti, ma il cui raggiungimento non potrà prescindere da un elemento fondamentale: il coinvolgimento e la collaborazione delle persone, che rimangono al centro della nostra strategia", ha aggiunto il ceo, mentre il titolo Hera a Piazza Affari avanza dello 0,42% a 3,556 euro, sovraperformando il mercato piatto.

La gara vinta oggi segue a stretto giro quella dello scorso 11 novembre quando l'Atersir ha aggiudicato al raggruppamento temporaneo di imprese, costituito tra Hera, Giacomo Brodolini Soc. Coop e Consorzio Stabile Ecobi, la gara per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati nel bacino territoriale "Pianura e Montagna Modenese". In questo caso sono interessati 32 Comuni del modenese, fra cui il Capoluogo, per un bacino di circa 490 mila abitanti e il contratto ha un valore complessivo di oltre 880 milioni di euro con un orizzonte temporale sempre di 15 anni. (riproduzione riservata)