Elon Musk sospende l'acquisto di Twitter

di Pierluigi Mandoi 13/05/2022 12:15

Elon Musk sospende l'acquisto di Twitter
 
  ULTIMO   VAR
Spread 242,24
17.29.49

+10,40%

{mfimage} Elon Musk ha temporaneamente sospeso l'acquisizione di Twitter. Lo ha annunciato sullo stesso social, motivando la sua decisione con la necessità di avere più informazioni sulla quantità di account falsi presenti sulla piattaforma. Dal momento del tweet, le azioni Twitter nel pre-market a Wall Street sono crollate del 18,70% a 36,7 dollari.

Dubbi sugli account falsi

Nel suo annuncio, il ceo di Tesla ha inserito il link a un articolo dell'agenzia Reuters in cui la società stima che gli account non corrispondenti a persone reali o utilizzati per lo spam costituiscono meno del 5% del totale. Ora il potenziale acquirente mette in dubbio le cifre, mettendo in pausa l'acquisto fino a quando non riceverà numeri più precisi. Rimuovere gli account artificiali è una delle azioni che Musk ha definito prioritarie per la sua gestione del social network. 

{mfimage}

Le domande del mercato

L'accordo tra Elon Musk e il cda di Twitter per acquisire la società è stato raggiunto lo scorso 26 aprile, con un prezzo previsto di 54,2 dollari ad azione, un totale di 44 miliardi di dollari. Si tratta di un premio del 38% rispetto al costo di un'azione Twitter il giorno in cui per la prima volta è stato annunciato il suo investimento nella piattaforma, con una quota iniziale del 9,2%. Ma il titolo nelle settimane successive è rimasto costantemente ben sotto il prezzo d'opa e ieri ha chiuso a quota 45,08 dollari, il livello più basso dal 15 aprile. Segno che, già prima dell'annuncio di oggi, il mercato non ha mai creduto completamente che l'accordo potesse andare in porto. Qualche settimana fa, intervistato da Mf-Milano Finanza, il responsabile investimenti di Gamma Capital Markets, Carlo De Luca, aveva detto: "Se vedessimo il titolo scendere sotto i 40 dollari si potrà seriamente pensare che l'acquisizione non giunga a conclusione". Se il titolo oggi confermerà quanto registrato nel pre-market si verificherà proprio questa condizione.

Chi ha puntato al ribasso

C'è anche chi, sul mancato completamento dell'opa di Musk su Twitter, ha scommesso vendendo allo scoperto il titolo Twitter. Come Hindenburg Research, che in un report ha parlato di un "significativo rischio che l'accordo venga riprezzato al ribasso". Lo short seller aveva sottolineato che il titolo aveva riportato una performance superiore al Nasdaq Composite dal giorno in cui l'uomo più ricco del mondo ha reso nota per la prima volta la propria partecipazione, nonostante conti trimestrali inferiori alle attese e l'ammissione di aver sovrastimato il proprio numero di utenti per i tre anni precedenti. "Musk ha tutte le carte in mano in questo momento. Se la sua offerta dovesse sparire domani, il valore del titolo scenderebbe del 50% dagli attuali livelli". E il magnate potrebbe ripresentarsi alla porta del social network con un'offerta ben più bassa. Allora il patron di Tesla rispose così all’ipotesi: "Interessante! Non dimenticatevi di guardare ogni tanto il lato positivo della vita!". Ma le sue stesse parole di oggi sembrano smentirlo. 

(aggiornamento ore 14:50) - Poche ore dopo con un altro tweet Elon Musk ha annunciato che, nonostante la sospensione, resta "fedele all'impegno di concludere l'acquisizione".

(aggiornamento ore 15:40) - Le azioni Twitter hanno aperto la seduta di contrattazioni a Wall Street in calo del 10% a quota 40,54 dollari. Guadagna invece il 3,38% a 752,57 dollari il titolo Tesla, che potrebbe beneficiare di un'eventuale mancata conclusione del deal. Come ha commentato Ben Laidler, global market strategist di EToro: "Se Musk se ne va, potrebbe dover pagare una commissione di un miliardo di dollari, ma questo costo sarebbe più che compensato dall'aumento di valore della sua partecipazione del 16% in Tesla, valutata circa 120 miliardi. Le azioni Tesla hanno reagito con un certo sollievo sulla base della possibilità che l'amministratore delegato debba vendere meno partecipazioni per finanziare l'acquisto di Twitter e abbia più tempo per concentrarsi sulla gestione del più grande produttore di veicoli elettrici al mondo". (riproduzione riservata)

(riproduzione riservata)