Che cosa c’è dietro il decollo delle ipo biotech

di Brian Gormley 01/10/2020 20:00

Che cosa c’è dietro il decollo delle ipo biotech
 
  ULTIMO   VAR
Spread 137,06
17.29.47

-0,13%

Attirati dall'innovazione scientifica e dal ruolo delle biotecnologie nello sviluppo di trattamenti per il Covid-19, gli investitori stanno affollando le IPO mediche. Secondo un’analisi della Renaissance Capital, il 47 per cento delle 81 offerte iniziali del terzo trimestre erano di startup del settore sanitario, rispetto al 25 per cento di quelle tecnologiche.

Le azioni di molte startup biomediche sono salite in borsa del 50% o più rispetto ai loro debutti, con una manciata in salita di oltre il 100%. Le aziende non vedono questi guadagni direttamente, tuttavia, perché non vendono azioni in Ipo direttamente al pubblico. Le vendono, a un prezzo prestabilito, a un gruppo selezionato di investitori, come i fondi comuni di investimento e altre istituzioni. Alcuni di questi investitori vendono poi azioni al pubblico una volta che possono essere scambiate sul mercato azionario del Nasdaq o su un'altra borsa.

L'aumento vertiginoso dei prezzi sta suscitando dibattiti tra investitori di venture capital, imprenditori e banchieri d'investimento,  sottoscrittori di IPO, su quanto dovrebbero essere aggressive le startup quando valutano le azioni che vendono ai grandi acquirenti istituzionali in offerta iniziale.

Il boom degli investimenti va in generale a beneficio delle biotecnologie, infondendo capitale vitale nelle giovani aziende, ha detto Andrew Hedin, principal della società di venture capital Bessemer Venture Partners. Eppure, "in un mondo perfetto, non si dovrebbe avere un apprezzamento massiccio il primo giorno, altrimenti resta la domanda se in fase di Ipo si è finito per lasciare dei soldi sul tavolo".

L'interesse per le IPO biomediche può essere abbondante, ma le azioni offerte delle startup più calde sono poche . Le IPO biotecnologiche sono di solito più piccole di quelle hi-tech in generale. E i venture capitalist e altri addetti ai lavori di solito acquistano porzioni considerevoli delle azioni di nuova emissione, volendo con ciò dimostrare ai potenziali nuovi investitori che credono ancora nell'azienda.

Di conseguenza, la domanda di azioni disponibili per i nuovi acquirenti supera la quota disponibile, il che porta a un aumento delle condizioni di offerta. Qualche esempio?

Kymera Therapeutics, i cui farmaci sono progettati per degradare le proteine che provocano le  malattie, inizialmente prevedeva di vendere 7,4 milioni di azioni a 16-18 dollari per azione, ma ha incrementato l'offerta a 8,7 milioni a 20 dollari. La Black Diamond Therapeutics, startup di farmaci contro il cancro, aveva pianificato di vendere 8,9 milioni di azioni a 16-18 dollari, ma ha invece venduto 10,6 milioni a 19 dollari, mentre la Berkeley Lights, una società di biologia cellulare digitale, è passata dall’offrire 7,4 milioni di azioni a 16-18 dollari ad aumentare il prezzo di IPO a 22 dollari e il numero di azioni a 8,1 milioni.

Poi, gli investitori nel mercato secondario, una volta quotata, hanno fatto salire ulteriormente le azioni della società il primo giorno di negoziazione. Kymera è salita del 66,3% per chiudere a 33,26 dollari nella sua IPO di agosto; la Black Diamond Therapeutics è schizzata del 107,8% a 39,48 dollari nella sua IPO di gennaio; e la Emeryville, ha guadagnato il 197,5% per concludere la giornata a 65,45 dollari nella sua IPO di luglio.

"Se si guarda come stanno andando le aziende, è chiaro che stanno lasciando i soldi sul tavolo", ha detto John McCallum, fondatore e managing partner della società di investimento growth-equity JAM Capital Partners. I professionisti che aiutano a quotare le aziende sostengono che lo scopo di un'IPO è quello di identificare un prezzo che sarà accettato da mercato più ampio, non il prezzo più alto che un particolare gruppo di investitori motivati sarebbe disposto a pagare.

Una volta iniziato il trading, un piccolo gruppo di investitori può fare un'offerta di azioni in tempi brevi. Questo non significa necessariamente che la società avrebbe potuto ottenere un prezzo molto più alto per le azioni in IPO, dice Rahul Chaudhary, amministratore delegato senior e responsabile dei mercati dei capitali per la banca d'investimento SVB Leerink.

Alcune società e sottoscrittori hanno deliberatamente sottovalutato le offerte di prezzo, per attrarre investitori istituzionali blue-chip e aumentare le probabilità che le azioni salgano il primo giorno di negoziazione, il che genera ronzio e segnala al mercato che il titolo possiede un certo slancio, sostiene Jonas Grossman, presidente della società di investimenti Chardan Capital Markets LLC.

Il timore che un'IPO possa cadere a picco - o essere ritirata, a causa degli interessi tiepidi - scoraggia anche i dirigenti dal cercare di spremere fino all'ultimo dollaro dall'offerta, dicono gli esperti. I ricordi di startup che hanno fatto offerte fallite in mercati di IPO meno rigidi consigliano gli imprenditori a giocare sul sicuro.

"Il rischio negativo di uscire in modo troppo aggressivo e di avere un successivo calo dei prezzi pesa molto di più rispetto ai dollari lasciati sul tavolo", dice Christopher Austin, un partner della Paul Hastings, che fornisce consulenza a sottoscrittori e aziende sulle IPO di lifescience e tech.

Alcuni amministratori delegati si società biotech affermano che la loro principale preoccupazione è quella di utilizzare l'IPO per posizionare il business per un successo a lungo termine, attirando investitori che lo comprendono bene e che sono in grado di sostenerlo per gli anni a venire.

"È importante che le aziende non siano avide e che individuino investitori che apportino valore", ha detto il CEO di Black Diamond Therapeutics, David Epstein.

I manager vogliono attori sofisticati disposti a superare le eventuali battute d'arresto, comuni nel settore biotecnologico. Nella sua IPO, Black Diamond ha attirato fondi comuni d'investimento e altre istituzioni che conoscono bene il suo approccio allo sviluppo di farmaci antitumorali che mirano alle mutazioni genetiche e a ciò che serve per il successo di questo tipo di aziende, sostiene il dottor Epstein.

Il co-fondatore e CEO di Kymera, Nello Mainolfi, afferma che la sua principale preoccupazione è quella di ottimizzare l'azienda nel lungo termine e che ritiene che l'IPO abbia avuto un prezzo adeguato. Grazie al suo sostegno all'impresa, alla partnership con Sanofi e ai proventi dell'IPO, secondo il suo Ceo Kymera ha ora un sentiero preciso che si estende fino al 2025.

Bruce Booth, un partner con la società di venture capital Atlas Venture, che ha co-fondato e sostenuto Kymera, ha detto che le startup salgono alle stelle in IPO beneficiano di un effetto aureola, che crea eccitazione e sblocca il sentimento positivo nei confronti delle aziende.