Borse oggi in diretta | Piazza Affari chiude in rosso (-1%), pesano il lusso e lo stacco cedole. Sul podio Mps, Bper e Banco Bpm
Borse oggi in diretta | Piazza Affari chiude in rosso (-1%), pesano il lusso e lo stacco cedole. Sul podio Mps, Bper e Banco Bpm
Milano resta in calo nonostante il sostegno delle banche. Fari puntati sulla Fed, dopo toccherà a BoE e BoJ. L’euro si rafforza sul dollaro

di Elena Dal Maso e Rossella Savojardo     18/09/2023 07:57

Ftse Mib
33.659,74 16.28.55

+1,32%

Dax 30
18.202,16 16.28.42

+0,74%

Dow Jones
38.942,12 16.33.58

+0,28%

Nasdaq
17.857,98 16.28.58

-0,02%

Euro/Dollaro
1,0726 16.13.36

-0,21%

Spread
152,00 16.43.41

-2,61

Giornata all’insegna dell’incertezza e dello stacco cedole per Piazza Affari che chiude in rosso dell’1,07%. Negativi anche il Dax (-1%), il Cac 40 (-1,4%) e il Ftse 100 che scivola dello 0,7%. Sale l'attesa per le decisioni di politica monetaria che mercoledì 20 settembre annuncerà la Federal Reserve, dopo che la scorsa settimana la Bce ha deciso di alzare il costo del denaro. Intanto preoccupa la situazione in Cina, dove l'economia non è decollata come sperato nell'era post Covid. Inoltre a Honk Kong le azioni del colosso immobiliare fortemente indebitato, Evergrande, sono arrivate a cedere più del 25%, dopo la notizia dell’arresto, da parte della polizia di Shenzhen, di alcuni dipendenti della divisione finanziaria Evergrande Wealth Management. In questo scenario prosegue sopra la parità Wall Street con il Dow Jones in rialzo dello 0,18%, l’S&P dello 0,22% e il Nasdaq dello 0,15%. L’euro resta in netto rialzo sul dollaro a quota 1,066. Spread a quota 180 punti

Ore 15:30 Piazza Affari in netto capo con il luss. Vige la prudenza a Wall Street

I listini europei sono in ulteriore calo, dopo l’apertura di Wall Street. L’indice Ftse Mib cede l’1,2% a 28.560 punti, mentre il Dax perde l’1%, il Caqc 40 l’1,46% e il Ftse 100 lo 0,76%.

Piazza Affari come le altre borse si avvicina con molta cautela all’appuntamento di mercoledì 20 della riunione della Federal Reserve che dovrà decidere sui tassi. Malgrado l’attesa sia per una conferma dei livelli attuali, gli operatori restano dubbiosi, puntando l’attenzione sulla conferenza stampa del presidente Powell, che darà indicazioni sulle future dinamiche. In questo scenario apre in calo anche Wall Street con il Dow Jones che scivola dello 0,12%, l’S%P dello 0,05% e il Nasdaq dello 0,07%. Sul mercato obbligazionario sale il rendimento del Btp decennale al 4,52% e  quello del Bund pari scadenza al 2,71%. Spread a quota 181 punti. 

Alle 14:30 Ftse Mib in rosso col petrolio in corsa. Bene Mps, Banco Bpm e Bper. In calo Moncler

Il Ftse Mib continua la seduta in rosso. In attesa dell’apertura di Wall Street, l’indice è in calo dello 0,88% a 28.642 punti. In controtendenza le banche con Monte dei paschi (+5,34%), Banco Bpm (+4,4%) e Bper Banca (+2,8%). Pesanti Moncler (-2,98%), A2a (-2,53%) e Stmicoelectronics (-2,29%). 

Ore 9:05 – Ftse Mib atteso in rosso nella settimana delle banche centrali. Occhio a Stellantis, Eni, Stm e Mediobanca

Il Ftse Mib apre sotto la parità lunedì 18 settembre, a 28.867 punti, dopo venti minuti l’indice perde quota (-0,5%). Salgono Mps (+1,8%), Banco Bpm (+1,1%), Saipem (+0,85%), Unicredit (+0,9%) e Stellantis (+0,75%).

In calo, invece, Moncler (-1,3%), Leonardo (-1,2%), StM (-1,1%), Snam (-0,7%).

Il petrolio Wti americano intanto balza di quasi l’1% a 91,66 dollari il barile, un rally di circa il 30% negli ultimi tre mesi. 

I futures sullo Eurostoxx 50 sono appena sotto la parità alle ore 8:15 di lunedì 18 settembre, alle ore 8:40 perdono quota e cedono lo 0,4%. La settimana è densa di appuntamenti macro legati alle Banche centrali: parte la Reserve Bank of Australia martedì (minute), a seguire la Fed mercoledì (decisione sui tassi), giovedì la Bank of England, venerdì chiude la Bank of Japan. Nel frattempo, i mercati in Cina stanno viaggiando in rosso.

I mercati sono attenti a captare tutti i segnali che potrebbero condurre a ulteriori rialzi dei tassi dopo la mossa in tal senso della Bce la scorsa settimana: martedì 19 viene pubblicato l’aggiornamento sull’inflazione Ue di agosto, attesa stabile al 5,3%, mentre l’OCSE aggiorna le stime economiche.

A Piazza Affari, occhio a...


I sindacati hanno proclamato una giornata di sciopero allo stabilimento di Melfi di Stellantis per la mancanza di comunicazioni ufficiali in merito ai nuovi modelli.


Secondo fonti di stampa, Nexi ha incaricato Goldman Sachs e Bank of America di cercare compratori per Ratepay, controllata tedesca nel buy now, pay later con una valutazione stimata del deal tra 700 e 800 milioni di euro.


Il cda di FinecoBank ha deliberato l'uscita dal mercato UK a causa del «significativo cambio del contesto regolamentare nel Regno Unito successivamente all'uscita dall'Unione europea».

Ferrari ha annunciato domenica di aver rinnovato la partnership con Puma.
Con il suo pilota Carlos Sainz ha vinto il Gran Premio di Singapore domenica, interrompendo la serie positiva di Max Verstappen.

Delfin, la holding di proprietà della famiglia Del Vecchio, presenterà la propria lista di candidati per il cda di Mediobanca all'assemblea il 28 ottobre emerge da fonti di stampa.

Quanto a MFE, Mondadori, Banca Mediolanum, Marina e Pier Silvio Berlusconi hanno siglato un patto parasociale per disciplinare il voto nelle assemblee di Fininvest, la holding di famiglia della quale detengono il controllo congiunto a seguito della morte del padre Silvio.

Pirelli interromperà l'accordo di fornitura con il World Rally Championship dopo la stagione 2024.

La controllata Sferanet di Olidata si è aggiudicata come capofila di un gruppo temporaneo di imprese la gara per l'evoluzione di piattaforme di cyber security di Banca d'Italia da 4,5 milioni di euro.

Stacco cedola dividendo: Eni (prima tranche 2023), STMicroelectronics (trimestrale), Piaggio (acconto 2023). (riproduzione riservata)