Borse europee prudenti a metà seduta, a Milano brilla Enel

di Rossella Savojardo 25/11/2021 11:30

Borse europee prudenti a metà seduta, a Milano brilla Enel
 
  ULTIMO   VAR
Spread 130,18
17.30.08

-2,74%

Borse europee positive nel giorno della festa del Ringraziamento, che fermerà gli scambi a Wall Street. Nonostante i timori per la quarta ondata della pandemia, gli indici rialzano la testa dopo la volatilità delle ultime sedute: Parigi guadagna lo 0,26%, Francoforte lo 0,30%, Londra in frazionale rialzo allo 0,13%, mentre a Milano il Ftse Mib segna un +0,10%. I rendimenti si mantengono in leggero calo in attesa della pubblicazione delle minute dell'ultima riunione della Banca centrale europea, il rendimento del Btp decennale si mantiene all'1,037% con lo spread Btp/Bund in calo a 128 punti, anche oltreoceano il rendimento del Treasury statunitense si mantiene al ribasso all'1,643%.

Nelle giornata di ieri, "il rilascio degli ultimi verbali del Fomc relativi alla riunione di mercoledì scorso ha fornito una panoramica delle opinioni dei principali responsabili della politica monetaria statunitense, ed ha mostrato una posizione prevalente a sostegno di una riduzione più veloce nel programma di acquisto dei titoli di stato della banca centrale", spiega Ricardo Evangelista, analista senior di ActivTrades. "L'urgenza di snellire l'acquisto di obbligazioni rischia di innescare aumenti dei tassi di interesse prima del previsto, uno scenario che è chiaramente favorevole al dollaro, soprattutto perché le altre grandi banche centrali, come la Bce, hanno scelto di adottare un atteggiamento più accomodante", conclude l'esperto. Nel valutario la moneta unica recupera terreno sul biglietto verde (+0,26%) ma restando a quota 1,12, la segue la sterlina che sul dollaro guadagna lo 0,07% a 1,33, mentre la moneta americana si indebolisce sullo yen (-0,06%) a 115. 

Spostandosi sul fronte delle materie prime, in controtendenza all'andamento della moneta americana si riprende l'oro (+0,48%) mantenendosi di poco sotto quota 1.800 dollari l'oncia a 1.792. I prezzi del petrolio continuano a un ritmo altalenante e trattano al ribasso aspettando la riunione dell'Opec+ in calendario per la prossima settimana, con il cartello che sarebbe intenzionato a sospendere momentaneamente gli aumenti programmati della produzione: il Wti cede lo 0,46% a 78 dollari al barile e il Brent lo 0,39% a 81,93 dollari.

A Piazza Affari brilla Enel che sale del 2,47% in scia ai giudizi positivi degli analisti dopo la presentazione del piano al 2024. Seguono Diasorin (+1,58%) e Amplifon (+1,57%). Debole invece il comparto oil e oil service: Tenaris -0,93%, Saipem -0,63%, Eni -0,29%. Rimane sotto osservazione Telecom Italia, dopo il balzo del 15% della vigilia, innescato dalle ipotesi che il fondo Kkr possa mettere sul piatto un prezzo molto più elevato rispetto a quello inizialmente indicato a 0,505 euro. Con il governo che potrebbe esercitare il golden power e con Kkr che potrebbe fare marcia indietro essendo l'offerta annunciata non vincolante, si aspetta domani un importante cda richiesto da 11 consiglieri della società. Denaro su PharmaNutra (+1,08%) che ha ottenuto la concessione di tre nuovi brevetti: due rilasciati alla controllata Alesco dall'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi e il terzo, in capo invece a PharmaNutra, rilasciato dalla Russian Federal Agency for Intellectual Property. Sull'Egm in luce Sciuker F. (+3% a 8,24 euro) su cui Banca Akros ha avviato la copertura con rating buy e target price a 14 euro. (riproduzione riservata)