Bancomat, lascia il ceo Alessandro Zollo. In arrivo Fabrizio Burlando da Mastercard
Bancomat, lascia il ceo Alessandro Zollo. In arrivo Fabrizio Burlando da Mastercard
Zollo si è dimesso da amministratore delegato. Lo ha annunciato lo stesso top manager sul proprio profilo Linkedin. Il patto di sindacato fra Fsi, Intesa, Banco, Iccrea e Bper prevede che il fondo di Tamagnini, primo socio al 43%, esprima metà del board fra cui il ceo

di Andrea Deugeni 11/06/2024 15:22

Ftse Mib
34.215,84 23.50.35

-0,91%

Dax 30
18.171,93 23.50.35

-1,00%

Dow Jones
40.287,53 6.27.07

-0,93%

Nasdaq
17.726,94 23.50.35

-0,81%

Euro/Dollaro
1,0885 23.00.31

-0,06%

Spread
131,41 17.29.55

+1,69

Dopo il closing dell’aumento di capitale con cui il Fondo Strategico è diventato il primo socio di Bancomat, Alessandro Zollo si è dimesso da amministratore delegato. Lo ha annunciato lo stesso top manager (che da maggio 2018 ha guidato la società che gestisce i circuiti di pagamento e prelievo) sul proprio profilo personale di Linkedin

Zollo: pronto a esplorare nuove opportunità e sfide professionali

«È stato un onore contribuire alla crescita dell'azienda in questi anni», scrive Zollo che ringrazia colleghi, cda e partner dicendosi «pronto ad esplorare nuove opportunità e sfide professionali». La società starebbe ora valutando le opportune misure per la sua sostituzione e come rivelato da MF-Milano Finanza, il nome individuato dal fondatore e amministratore delegato di Fsi, Maurizio Tamagnini, sarebbe quello di Fabrizio Burlando, ex Boston Consulting e ora global head of advisors consulting and digital labs di Mastercard, colosso americano delle carte di credito. L’annuncio dovrebbe arrivare nelle prossime 48 ore.

Il patto di sindacato: Fsi indica il ceo

Il cambio di governance è l’effetto del rimescolamento dei pesi nell’azionariato del consorzio dei pagamenti partecipato da Fsi e da 104 banche, rimescolamento che ha visto il fondo di Tamagnini diventare primo socio con una partecipazione del 43%, al termine di un aumento di capitale riservato da 75 milioni di euro. Fsi, Intesa, Banco, Iccrea e Bper hanno siglato un patto parasociale (aperto anche ad altri soci) che prevede che il fondo di Tamagnini indichi metà dei consiglieri, fra cui anche il ceo. 

Bancomat ha chiuso il 2023 con 52,4 milioni di euro di ricavi (in aumento), riportando un rosso di 3 milioni contro l'utile di 8 milioni del 2022 a causa del ristoro a Nexi per la risoluzione del progetto Piattaforma Hub. (riproduzione riservata)