Banche in rialzo a Piazza Affari. Wall Street sotto la parità

di Antonella Ladisi 22/05/2020 17:23

Banche in rialzo a Piazza Affari. Wall Street sotto la parità
 
  ULTIMO   VAR
Spread 164,31
17.08.55

-3,09%

L’indice Ftse Mib chiude a 17.316 punti, con un rialzo dell'1,34%, segnando così il maggiore incremento fra i listini europei. Nel frattempo Wall Street, dopo una partenza poco sotto la parità, ha accelerato leggermente al ribasso con il Dow Jones che cede lo 0,45%.

Per Piazza Affari c'è un ulteriore dato positivo dovuto alla contrazione dello spread dopo il successo del Btp Italia, con il Tesoro italiano che ha collocato un ammontare record di 22,3 miliardi di euro di titoli. Nello specifico il differenziale Btp/Bund è sceso a 209 punti base dai 213 di ieri. I progressi delle banche hanno inoltre permesso di ignorare, almeno per il momento, le crescenti tensioni tra Pechino e Washington, che in avvio avevano pesato sui mercati europei.

La Banca centrale europea ha dichiarato ad essere pronta ad agire anche a partire dal prossimo mese se ci sarà la necessità, per garantire che l'inflazione si muova verso il suo obiettivo in modo sostenuto. L'Istituto è disposto ad incrementare le dimensioni del Pepp e ad adottare altri strumenti se, alla luce delle informazioni che saranno disponibili prima della riunione di giugno, le decisioni finora intraprese non fossero all'altezza della situazione.

Positivo tutto il comparto bancario: Unicredit +4,34%, Ubi +2,48%, Mediobanca +2,01%, Intesa Sanpaolo +1,59%, Banco Bpm +0,77% e Bper +0,08%.

Un'altra seduta di forti acquisti per Diasorin, attiva nel settore dei test molecolari, che è tornata alla ribalta grazie ai test per il Covid19 ed oggi ha superato per la prima volta quota 200 euro, aggiornando il suo massimo storico a quota 204,6 euro.

Da segnalare: Nexi (+3,68% a 15,34 euro), ieri salita del 7,68% in scia alle rinnovate voci di fusione con Sia, Finecobank (+2,72%) e Recordati (+2,38%). Chiusura in rialzo anche per Unipol (+2,29% a 3,12 euro), promossa da Banca Imi da add (incrementare) a buy (comprare). Tra le mid cap, bene Piaggio (+4,5%), Marr (+4,31%) e Dovalue (+3,55%).

Contrastati invece gli industriali: Prysmian +3,5%, Ferrari +1,52%, Fca +1,05%, B.Unicem +0,89%, Stm +0,23%, Pirelli -0,33%, Cnh I. -0,67% e Leonardo -1,22%.

Debole il comparto petrolifero, con i prezzi del greggio che trattano in netto calo dal momento che la Cina ha deciso di non porsi un obiettivo di crescita del pil per il 2020, alimentando le preoccupazioni sul danno economico derivante dal coronavirus. Saipem -1,21%, Eni -0,58%, Tenaris -0,29%.

Negativi S.Ferragamo (-2,5%) e Moncler (-2,07% a 31,23 euro), B.Cucinelli (-2,12%), Guala (-1,9%) e Cattolica Assicurazioni (-1,89%).