Attenti, troppo denaro porta alta inflazione

di John Greenwood e Steve H. Hanke 21/07/2021 19:23

Attenti, troppo denaro porta alta inflazione
 
  ULTIMO   VAR
Spread 99,57
17.29.49

-0,21%

 Negli Usa l'indice d'inflazione in giugno è balzato del 5,4% rispetto a un anno fa, la cifra più alta dall'agosto 2008. Gli esperti si sono sorpresi. Chiaramente, gli osservatori della Federal Reserve non si sono mai preoccupati di consultare Milton Friedman, perdendosi così un suo dettame fondamentale: "L'inflazione è sempre e ovunque un fenomeno monetario".

Nella sua testimonianza del 23 febbraio scorso al Congresso, il presidente della Fed, Jerome Powell, ha detto che la crescita della massa monetaria, in particolare la M2, "non ha davvero implicazioni importanti". Gli esperti, la stampa e le autorità sono stati altrettanto veloci a disimparare il monetarismo, se mai l'hanno imparato, così come il presidente Powell. I resoconti sull'inflazione statunitense raramente contengono le parole "offerta di denaro". Viene ripetutamente detto che le più recenti impennate dell'inflazione sono anomale e transitorie.

È sbagliato. I rialzi dell'inflazione non sono temporanei ed erano prevedibili, guidati da una straordinaria esplosione della massa monetaria. Da marzo 2020, la M2 è cresciuta ad un tasso medio annualizzato del 23,9%, il più veloce dai tempi della Seconda guerra mondiale. C'è così tanto denaro in circolazione che le banche non sanno cosa farne. Tramite accordi di pronti contro termine invertiti, le banche e i fondi del mercato monetario stanno prestando denaro alla Fed per un ammontare di 860 miliardi di dollari, senza precedenti.

Secondo la teoria monetarista, l'inflazione dei prezzi delle attività finanziarie si verifica con un ritardo da uno a nove mesi. Successivamente l’attività economica dovrebbe riprendersi, con un ritardo da sei a 18 mesi. Infine, da 12 a 24 mesi dopo, entrerebbe in gioco l'inflazione generalizzata. Questa è la sequenza monetarista standard, ed è stata fin qui seguita alla perfezione.

Per capire cosa implica per l'inflazione la recente esplosione della massa monetaria, consideriamo un modello monetarista per determinare il reddito nazionale. Quel famoso modello era esposto sulle targhe auto della California di Milton Friedman. È compatto: MV=Py, dove M è l'offerta di denaro, V è la velocità del denaro (la velocità con cui circola), P è il livello dei prezzi, e y è il prodotto interno lordo reale.

Inserendo i numeri nel modello e risolvendo per M, l'offerta di denaro (M2) dovrebbe crescere di circa il 6% all'anno perché la Fed raggiunga il suo obiettivo di inflazione del 2%. Con M2 che cresce a quasi quattro volte il tasso ideale da marzo 2020, l'inflazione è già cotta nella torta, ed è probabile che persista. Entro la fine dell'anno, il tasso d'inflazione su base annua sarà almeno del 6% e forse fino al 9%.

Chi ama gettare acqua fredda sul monetarismo sostiene che la velocità del denaro è crollata e attenuerà l'impatto inflazionistico della rapida crescita della massa monetaria. La velocità è effettivamente crollata con l'inizio del Covid, ma è sulla buona strada per risalire fino alla fine del 2024. Di conseguenza, la velocità ingrasserà le ruote monetarie. Ecco perché l'inflazione potrebbe colpire la parte alta della nostra gamma di previsioni.

Powell e i suoi colleghi dovrebbero iniziare a prestare attenzione all'offerta di denaro. Il denaro conta. In effetti, domina.

-Greenwood è capo economista alla Invesco di Londra. Hanke è professore di economia applicata alla Johns Hopkins University.