Acquedotto Pugliese, oltre 500 milioni di investimenti nel 2023
Acquedotto Pugliese, oltre 500 milioni di investimenti nel 2023
Il bilancio 2023 registra un margine operativo lordo di circa 257 milioni (+11% sul 2022) e un risultato di esercizio netto di 66 milioni grazie principalmente al recupero degli effetti inflattivi del biennio 2022-23

di Silvia Valente 10/07/2024 15:47

Ftse Mib
34.215,84 23.50.35

-0,91%

Dax 30
18.171,93 23.50.35

-1,00%

Dow Jones
40.287,53 4.45.40

-0,93%

Nasdaq
17.726,94 23.50.35

-0,81%

Euro/Dollaro
1,0885 23.00.31

-0,06%

Spread
131,41 17.29.55

+1,69

Oltre 500 milioni di investimenti (+60,8% sul 2022), una produzione del valore di 700 milioni di euro, un margine operativo lordo di circa 257 milioni (+11% sul 2022) e un risultato di esercizio netto di 66 milioni grazie principalmente al recupero degli effetti inflattivi del biennio 2022-23, nonchè un decremento di circa 68 milioni di euro dei costi diretti di gestione. Questi sono alcuni dei numeri che raccontano il servizio offerto nel corso del 2023 da Acquedotto Pugliese a più di 4 milioni di cittadini, fotografato dal Bilancio 2023 approvato dall’assemblea dei soci.

Da notare in particolare che Aqp nel 2023 ha registrato una quota di investimenti per abitante pari a 127 euro, ben oltre la media italiana e superiore anche alle migliori realtà europee. «Gli ottimi risultati ottenuti da Acquedotto Pugliese sono emblematici di un’azienda pubblica che sa essere leader nel servizio idrico integrato e applica la capacità di innovazione allo sviluppo di una economia circolare, fornendo un modello di business efficace ed efficiente che contribuisce a posizionare la Puglia come un hub di sperimentazione tecnologica oltre che industriale, modello anche per altri operatori internazionali del settore. Tutto questo è ancora più importante in un contesto di siccità e di cambiamento climatico che minacciano le forniture idriche della Puglia e di tutto il Sud Italia» ha sottolineato Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia, azionista unico di Aqp.

L’importanza della sostenibilità

Dei 503 milioni investiti da Aqp nel 2023 43 milioni sono stati specificatamente dedicati a progetti di sostenibilità ambientale e digitalizzazione. Fra questi, 30,1 milioni sono stati impiegati per la realizzazione della Control Room di Aqp (inaugurata a febbraio 2024), il rilievo e la mappatura Gis, la digitalizzazione di reti e impianti, il potenziamento di dotazioni hardware e software e i progetti nell’ambito della Cybersecurity.

Gli investimenti con impatto sull’economia circolare sono stati complessivamente di 16,2 milioni di euro e si riferiscono tutti al comparto depurativo (stazioni di disidratazione, riutilizzo acque reflue depurate, silos di accumulo fanghi, pese a ponte, bilance termiche, serre solari e digestioni anaerobiche). A fronte di un volume delle acque trattate sostanzialmente invariato, la quantità di risorsa depurata riutilizzata in agricoltura è raddoppiata (1,16 milioni di metri cubi nel 2023 contro i 566mila del 2022). 

I costi dell’energia sono diminuiti di 59,5 milioni di euro rispetto al 2022 per effetto combinato dell’efficientamento dei consumi e del decremento del prezzo medio di acquisto. (riproduzione riservata)