Milano sale coi petroliferi, spread stabile in vista asta nuovo Btp

di Francesca Gerosa 03/06/2020 09:00

Milano sale coi petroliferi, spread stabile in vista asta nuovo Btp
 
  ULTIMO   VAR
Spread 164,62
17.29.51

-2,78%

Borse europee positive con i futures di Wall Street che anticipano un avvio con il segno più (+0,35% l'S&P500 e +0,22% il Nasdaq) anche se il dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha dispiegato 1.600 soldati nella regione di Washington, mentre molte altre città del Paese sono teatro di grandi manifestazioni di protesta per l'uccisione di George Floyd da parte di un agente di polizia.

Il portavoce del Pentagono, Jonathan Rath Hoffman, ha precisato che i soldati hanno preso posto nelle basi militari della Regione della Capitale, ma non sono ancora stati dispiegati in strada a Washington. I militari sono stati posti in stato d'allerta "elevata" ma "non partecipano" al momento alle operazioni di sicurezza gestite dalle autorità civili.

Oggi giornata ricca di dati macro. Se il settore dei servizi in Cina è tornato a crescere per la prima volta da gennaio: l'indice Pmi elaborato da Caixin/Markit è salito a 55 a maggio da 44,4 di aprile, raggiungendo il livello più alto dalla fine del 2010 (la soglia di 50 separa la crescita dalla contrazione), in Giappone il Pmi servizi a maggio finale si è attestato a 26,5 punti da 21,5 aprile.

Alle 10:00 toccherà al Pmi servizi a maggio finale dell'Eurozona (precedente: 12 punti; preliminare: 28,7 punti; consenso: 28,7 punti) e al Pmi composito a maggio finale (precedente: 13,6 punti; preliminare: 30,5 punti; consenso: 30,5 punti). Alle 11:00 verrà pubblicato il tasso di disoccupazione ad aprile (precedente: 7,4%; consenso: 8,2%).

Invece da oltreoceano arriveranno alle 13:00 l'indice settimanale richieste mutui (precedente: +2,7% a 746,5 punti), alle 14:15 la stima Adp a maggio (precedente: -20.236.000 unità; consenso: -9.000.000 unità), alle 15:45 il Pmi servizi a maggio finale (precedente: 49,4 punti; preliminare: 26,7 punti), alle 16:00 l'Ism non manifatturiero a maggio (precedente: 41,8 punti; consenso: 44,2 punti), gli ordini alle imprese ad aprile (precedente: -10,4% mese su mese; consenso: -14,8% mese su mese), gli ordini di beni durevoli aprile finali (preliminare: -17,2% mese su mese) e alle 16:30 le scorte settimanali di petrolio (precedente: +7,928 milioni di barili a 534,422 milioni).

In attesa, l'euro è ancora in rialzo sul dollaro sopra 1,12: la moneta unica scambia a 1,12081 contro il biglietto verde (+0,36%). Stabile a 108,661 il cambio dollaro/yen, mentre la sterlina sale a 1,2595 dollari (+0,37%). È improbabile però che l'euro si apprezzi considerevolmente se la Banca centrale europea dovesse espandere il suo programma di acquisto di obbligazioni più del previsto nella riunione di domani, secondo gli analisti di Ing.

Lo spread Btp/Bund è stabile a quota 191,495 punti base nel giorno in cui dovrebbe concretizzarsi il lancio del nuovo Btp a 10 anni, con scadenza primo dicembre 2030, via sindacato per cui ieri il Tesoro ha dato mandato a un pool di banche. Via XX Settembre ha precisato che l'offerta del nuovo titolo di Stato a 7 anni, inizialmente prevista entro fine mese, è slittata al terzo trimestre.

In mattinata, ha segnalato Reuters, la Germania metterà a disposizione 4 miliardi nel Bobl con scadenza aprile 2025 e cedola zero, mentre la Grecia si attiverà con l'offerta di titoli di Stato a 26 settimane. Ieri, ha ricordato Reuters, la Bce ha diffuso lo spaccato degli acquisti nell'ambito di Pepp e Qe: nei primi due mesi del programma legato all'emergenza Covid, Francoforte ha acquistato un totale di 37,4 miliardi di euro in titoli di Stato italiani pari al 21,6% del totale, oltre il coefficiente del capital key. Nell'ambito, invece, del Qe, gli acquisti mensili di carta italiana a maggio sono risultati in calo a 2,853 miliardi dai 10,919 di aprile.

L'indice Ftse Mib sale dell'1,12% a 19.183 punti nel giorno dell'annuncio della revisione trimestrale degli indici Ftse Italia che sarà effettiva dal 22 giugno. Inwit (+0,32% a 9,38 euro) e Interpump (+0,49% a 28,56 euro) sono i candidati a entrare tra i big del Ftse Mib con la revisione del paniere delle blue chip. Secondo i calcoli fatti da alcuni broker, i due titoli dovrebbero prendere il posto di Salvatore Ferragamo (+0,62% a 12,99 euro) e di Bper Banca (+1,25% a 2,27 euro).

Bper dovrebbe essere inserita nella lista di riserva compilata da Ftse Russell insieme ad altri titoli in procinto di rientrare nel Ftse Mib in futuro come UnipolSai (+0,66% a 2,14 euro) e Iren (+1,71% a 2,37 euro). Dall'ultima revisione del 4 marzo scorso Bper ha perso in Borsa il 33% portando la capitalizzazione, uno dei criteri usati per la selezione dei 40 titoli del paniere, a 1,1 miliardi. Salvatore Ferragamo ha perso il 10% nello stesso periodo e il valore di borsa è scivolato a 2 miliardi di euro. Entrambi i titoli potrebbero trovare posto nel Ftse Italia Mid Cap insieme ai nuovi possibili entranti Avio e La Doria.

Con i prezzi del petrolio in rialzo, vicino ai massimi degli ultimi tre mesi, sull'ottimismo che i maggiori produttori estendano i tagli alla produzione, in vista della riunione dell'Opec+: il Wti sale del 2,80% 37,84 dollari al barile e il Brent dell'1,92% a 40,33 dollari al barile. Eni si apprezza del 2,26% a 8,97 euro, Saipem, che in consorzio si è aggiudicata la costruzione di 71 strutture a gravità (Gravity Base Structures) in cemento come base per il parco eolico offshore Fecamp in Normandia, Francia, un contratto del valore complessivo di 552 milioni di euro, del 2,56% a 2,29 euro e Tenaris dell'1,81% a 2,20 euro.

Bene i titoli dell'automotive come Fca (+1,76% a 8,49 euro), Pirelli (+1,18% a 4,13 euro) e Brembo (+2,07% a 8,63euro) con l'associazione cinese dei produttori di auto che si aspetta un'accelerazione delle vendite a maggio, +12%, dal +4% di aprile. Mentre StM (+3,43% a 23,53 euro) beneficia del fatto che Microchip Technology ha rivisto al rialzo le previsioni sul primo trimestre fiscale 2021, sia per quanto riguarda l'utile per azione (1,35-1,53 dollari per azione da 1,25-1,45 dollari per azione) sia i ricavi (a 1,25-1,33 miliardi di dollari da 1,194-1,3 miliardi di dollari). Sotto tono Moncler con il downgrade di Kepler Cheuvreux (-0,29% a 34,58 euro) a hold.

Acquisti anche sulle banche, come Intesa Sanpaolo (+1,91% a 1,66 euro), che con Sanlorenzo ha siglato un accordo in base al quale la banca metterà a disposizione una linea di credito da 50 milioni di euro per finanziare il capitale circolante delle Pmi che compongono la filiera del produttore di yacht attraverso l'anticipo dei crediti commerciali. Infine si ricorda che oggi prende il via l'opa obbligatoria totalitaria di Giano Holding, veicolo di Exor (+% a euro), sulle azioni ordinarie residuali in circolazione di Gedi (sulla parità a 0,46 euro) al prezzo di 0,46 euro l'una. L'offerta termina il 30 giugno. (riproduzione riservata)