Warning di Henkel. Titolo in forte calo a Froncoforte

di Francesca Gerosa 13/08/2019 14:00

Warning di Henkel. Titolo in forte calo a Froncoforte
 
  ULTIMO   VAR
Ftse Mib 23.560,75
11.25.58

-0,93%

Dax 30 13.183,57
11.25.59

-0,75%

Dow Jones 27.691,49
22.53.24

+0,00%

Euro/Dollaro 1,1020
11.10.56

+0,00%

Spread 149,55
11.41.05

+3,77%

Il titolo Henkel AG & Co. crolla del 7,45% a quota 85,05 euro alla borsa di Francoforte a causa di risultati del secondo trimestre sotto le attese e del taglio dei target 2019. L'azienda chimica tedesca, con sede a Düsseldorf, produttrice del detersivo per bucato Purex ha reso noto quest'oggi che nel secondo trimestre di quest'anno l'utile prima degli interessi e delle tasse è calato a 756 milioni di euro dagli 814 milioni di euro dell'anno precedente.

Anche le vendite sono scese a 5,12 miliardi di euro dai 5,14 miliardi di euro dello stesso periodo dell'anno scorso. E l'ebit adjusted si è contratto dell'8,6% a 846 milioni con un margine ebit pari al 14,8%. Ha pesato l'indebolimento del mercato automotive, che impatta sulla sua divisione Adhesive technology, e il destocking in Asia nel mercato beauty care.

Così Henkel ha tagliato le aspettative di crescita organica per l'intero anno: ora vede una crescita tra lo 0% e il 2%. In particolare tra -1 e 1% per Adhesive Technologies, tra -2 e 0% per Beauty Care, tra 2 e 4% per Laundry & Home Care. In precedenza aveva previsto una crescita organica tra il 2% e il 4%.

Mentre lo sviluppo dell'eps depurato è atteso a una cifra (nella fascia da media a superiore dei valori), inferiore all'anno precedente a tassi costanti di cambio. D'altra parte la società non prevede che la domanda industriale aumenti nella seconda metà. Inoltre, ha avvertito che il suo business beauty care è destinato a svilupparsi al di sotto delle aspettative iniziali.

Henkel continua, invece, ad aspettarsi una redditività adjusted sulle vendite nel range del 16%-17%. Nonostante l'outlook preoccupante, il gruppo ha affermato che continuerà a portare avanti le sue priorità strategiche e ad attuare gli investimenti previsti. "Ci concentriamo sul rafforzamento delle nostre attività e aumenteremo ulteriormente la nostra competitività per garantire una crescita redditizia sostenibile", ha assicurato il ceo, Hans Van Bylen.

Se Equita ha confermato il rating buy e il target price a 122 euro sul titolo Henkel, pur riconoscendo che l'ebit adjusted è risultato del 2% sotto le sue attese a causa delle minori vendite con un margine operativo in linea con le stime, per Bernstein i risultati del secondo trimestre sono stati "un'altra delusione. La nuova grande domanda è se i terribili risultati operativi indurranno il gruppo a drammatici cambiamenti che però non prevediamo nel breve termine", ha affermato Bernstein. (riproduzione riservata)