Piazza Affari è la migliore in Ue mentre il petrolio cade e l'euro perde quota

di Elena Dal Maso 22/05/2020 08:03

Piazza Affari è la migliore in Ue mentre il petrolio cade e l'euro perde quota
 
  ULTIMO   VAR
Spread 164,62
17.29.51

-2,78%

A metà mattinata Piazza Affari recupera e sterza al rialzo, posizionandosi come migliore listino europeo. Il Ftse Mib guadagna lo 0,6%, positiva anche la Spagna, mentre il Dax perde lo 0,6% e Londra l'1,3%. Continuano a pesare sul sentiment le tensioni geopolitiche Usa-Cina sulle libertà di Hong Kong e si inseriscono nel quadro difficile della pandemia da Covid-19. I futures sull'S&P stanno nel frattempo riducendo le perdite e ora scambiano a -0,5%.

Intanto la paura sui mercati muove le materie prime: il petrolio perde il 6% a 31,9 dollari il barile, l'oro guadagna lo 0,89% a 1.737,2 e l'euro, stretto nell'indecisione di un'Europa che litiga sul Recovery Fund (i Paesi del Nord non vogliono usare il bilancio comunitario, insistono sui prestiti), cede lo 0,46% tornando a 1,09. A Piazza Affari vola Unicredit del 3,3% dopo l'ottimo collocamento del Btp Italia al retail, in territorio positivo Azimut, Intesa Sanpaolo, Ubi, Bper, Banco Bpm, Fca. 

Ancora in rosso il settore del lusso, per il quale Hong Kong resta una piazza importante, in flessione Moncler e Ferragamo, ma anche Leonardo, Campari, Banca Generali e Banca Mediolanum. 

Hong Kong torna al centro dell'attenzione, con i listini asiatici messi oggi a tappeto. I senatori degli Stati Uniti presenteranno un disegno di legge bipartisan per sanzionare i funzionari e le società cinesi che applicheranno le nuove leggi sulla sicurezza nazionale a Hong Kong e per penalizzare le banche che intratterranno rapporti commerciali con queste imprese. Si è mosso anche il presidente Donald Trump ammonendo Pechino di una reazione importante da parte degli Usa se vengono violate le libertà della città. Ieri, infatti, la Cina ha annunciato che imporrà nuove leggi sulla sicurezza nazionale a Hong Kong, dando un duro colpo all'autonomia del territorio, mentre Pechino si muove per fermare le diffuse proteste per la democrazia che si sono diffuse nella citta' contro il presidente cinese Xi Jinping.

Il titolo governativo decennale italiano, intanto, apre bene dopo l'ottimo collocamento ieri del Btp Italia, il rendimento scende all'1,61% dall'1,62% di avvio questa mattina. A Piazza Affari, oggi sono da tenere sotto osservazione Saipem, dopo che Norges Bank, secondo quanto comunicato da Consob ieri sera, ha più che dimezzato la sua presenza il 18 maggio scorso, passando dall'1,526% allo 0,776%. Sempre Norges è scesa anche in A2A passando dall'1,68% allo 0,983%. Il petrolio Wti americano, intanto, cede il 5,63% a 32 dollari il barile.

L'Ops di Intesa Sanpaolo su Ubi, secondo fonti di stampa, rischia di slittare a settembre. Le cause principali sarebbero vincolate ai pareri positivi della Bce, Ivass e Banca di Italia. E nei successivi 15 giorni lavorativi alla definizione del quadro complessivo sarebbe la volta della Consob, che dovrebbe esaminare il prospetto. Infine è atteso il parere dell'Antitrust sulla concentrazione che si verrebbe a creare nel settore. Un iter che potrebbe concludersi dopo l'estate. Se dovessero esserci condizioni più onerose imposte dalle autorità, Intesa Sanpaolo potrebbe decidere di ritirarsi. Altro nodo è la clausola MAC (Material adverse change clause) a garanzia dell'offerta in caso di eventi gravi e imprevisti quali lo scoppio del Covid-19, come ha ricordato un comunicato di Ubi giorni fa. Per questo i due isititui di credito stanno lavorando con i rispettivi legali. Sarà compito degli advisor in questione risolvere la situazione e, nel caso si vada a dopo l'estate, ci saranno a disposizione anche i conti delle delle semestrali di ognuna.

Sul fronte M&A, Nexi sta portando avanti colloqui esplorativi con Sia con uno scambio di informazioni confidenziali per esaminare una possibile operazione di fusione che porterebbe alla nascita di un colosso nel settore dei pagamenti.

Quanto al Btp Italia, che ha registrato un notevole successo, con 22,3 miliardi di titoli di Stato acquistati fra retail e investitori istituzionali. Di questi, Unicredit ha collocato il 43% dell’offerta al retal attraverso i propri canali digitali, quasi raddoppiando rispetto all’ultima emissione di Btp Italia nel 2019.

Intanto Fca ha reso noto che le vendite di auto in Brasile sono scese a maggio tra il 70% e il 75% rispetto all’anno scorso a causa della crisi di coronavirus.

Alcune prime linee di Autostrade per l'Italia hanno incontrato ieri alti funzionari del Mef, tra cui il capo di Gabinetto Luigi Carbone, per discutere del prestito da 1,25 miliardi che dovrebbe essere erogato da Unicredit con garanzia dello Stato, aggiungendo che un nuovo incontro è in agenda all'inizio della prossima settimana.

Il Cda di Autogrill ha confermato per un nuovo mandato l’amministratore delegato Gianmario Tondato Da Ruos. Confermato anche il presidente Paolo Zannoni, mentre ll’assemblea di Enav ha nominato il nuovo cda presieduto da Francesca Isgrò, mentre Paolo Simioni è il nuovo amministratore delegato.

Secondo i dati pubblicati da Terna, i consumi di energia elettrica in aprile sono scesi del 17,2%. Sul fonte della moda, l’assemblea degli azionisti di Brunello Cucinelli ha nominato come nuovi amministratori delegati Luca Lisandroni e Riccardo Stefanelli. Il fondatore Brunello Cucinelli, che ricopriva anche il ruolo di ad, rimarrà presidente e direttore creativo. Sanlorenzo, infine, valuta l’ingresso nel capitale di Perini Navi e ha ottenuto dagli azionisti un periodo di esclusiva per studiare l’operazione. (riproduzione riservata)