Lo spread sale in una giornata ricca di aste, Milano in rosso

di Francesca Gerosa 12/06/2019 09:00

Lo spread sale in una giornata ricca di aste, Milano in rosso
 
  ULTIMO   VAR
Ftse Mib 20.626,42
17.36.00

+0,07%

Dax 30 12.085,82
19.03.54

-0,09%

Dow Jones 26.112,53
1.18.43

+0,09%

Euro/Dollaro 1,1222
1.24.57

-0,04%

Spread 253,70
17.30.56

-4,00%

Borse europee in calo in avvio di seduta a causa delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina. Pechino ha infatti minacciato una risposta adeguata nel caso in cui gli Usa continuino a provocare un'escalation delle tensioni nell'ambito dei negoziati commerciali attualmente in corso. "Il commercio resta la minaccia più importante per l'economia globale", ha commentato Stephane Monier, Chief Investment Officer di Lombard Odier Private Bank, sottolineando come l'impatto dei conflitti tra Usa e Cina "ha sorpreso tutti sia in termini di rapidità sia di diffusione".

Per l'esperto l'amministrazione Trump ha reso il commercio "un'arma in grado di distruggere la catena di approvigionamento cinese, con l'obiettivo di contrastare l'ascesa della Cina" verso lo status di superpotenza. Mentre in campo europeo, dopo il meeting di giovedì scorso in cui la Banca centrale europea ha rinviato la tempistica della prossima stretta alla seconda metà dell'anno prossimo, nuovi spunti potrebbero giungere dagli interventi di numerosi banchieri tra cui il presidente della Bce, Mario Draghi, ma anche de Guindos e Coeuré.

Intanto una fonte governativa italiana ha detto all'agenzia Reuters che l'Italia è pronta ad appoggiare un candidato francese per la presidenza della Banca centrale europea per poter mantenere un seggio nell'esecutivo Bce quando, a fine ottobre, scadrà il mandato di Draghi. Il dollaro resta sulla difensiva sulla scommessa di un taglio dei tassi da parte della Fed. Il cambio euro/dollaro vale 1,1335, in rialzo dello 0,10%.

Mentre Bruxelles ha fatto nuovi passi verso una procedura per l'elevato debito nei confronti di Roma, che sarà oggetto di discussione al vertice di stamani tra Conte, Tria, Salvini e Di Maio, e dell'Eurogruppo di domani, secondo fonti di stampa il leader della Lega, Matteo Salvini, è pronto a proporre un'abolizione del fiscal compact, lo scorporo degli investimenti dal deficit attraverso 100 grandi opere da far finanziare alla Bce, ma anche la flat tax. "Il governo è stato a rischio, non lo nego: c'erano troppi litigi, troppe discussioni, troppe divisioni. Un freno a mano costantemente tirato. Ma se si torna a lavorare come nei primi undici mesi, si va avanti. Sarà però decisiva la manovra economica d'autunno. O sarà coraggiosa, o salta tutto", ha detto Salvini, in un'intervista al Quotidiano nazionale.

Ma a preoccupare il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è proprio l'atteggiamento dei due leader di maggioranza che sottovalutano esito e conseguenze dello scontro con l'Europa. "L'incontro con Di Maio e Salvini si è svolto in un clima cordiale", ha raccontato Conte, ma "è impossibile che ci sia uno scontro tra me e i miei due vice per una semplice ragione: se non andiamo d'accordo, io li lascio liberi. Perché una cosa deve essere chiara: sto qui se mi convincono loro, non sono io a doverlo fare". E se vogliono "andare a sbattere contro un muro, facciano pure".

Con questi continui botta e risposta lo spread Btp/Bund sale a quota 262,8 punti base. Oltre all'asta di Bot annuali per 6,5 miliardi è atteso per oggi il lancio del nuovo Btp a 20 anni con scadenza 1 marzo 2040 via sindacato per cui ieri il Tesoro ha dato mandato a un pool di banche. Atteso anche l'analogo lancio del nuovo titolo di Stato decennale spagnolo con scadenza 31 ottobre 2029. Attive anche la Germania che offre 3 miliardi nel Bund con scadenza febbraio 2029, la Grecia che offre 1,25 miliardi in titoli a 12 mesi e il Portogallo che mette a disposizione degli investitori 1,25 miliardi in bond a 10 e 15 anni. Domani, invece, ci sarà l'appuntamento con le aste a medio lungo in cui Via XX Settembre offrirà tra 5 e 6,5 miliardi di euro in Btp a 3, 7, 10 e 15 anni.

A Piazza Affari l'indice Ftse Mib cede lo 0,49% a 20.508 punti. Italgas, che ha presentato il nuovo piano strategico 2019-2025 che si articola su quattro direttrici: innovazione e trasformazione digitale della società attraverso la digitalizzazione degli asset e dei processi e lo sviluppo delle competenze digitali per tutto il personale; realizzazione della rete di distribuzione di gas naturale in Sardegna; nuove operazioni di M&A e ulteriore crescita organica, in termini di estensione della rete e di PdR serviti, arretra dell'1% a 5,824 euro.

Nel periodo 2019-2025, Italgas ha previsto un piano di investimenti (escludendo le gare d'ambito) di 4,5 miliardi di euro, in crescita del 12,5% rispetto al precedente piano. Invece Enel (-0,09% a 5,84 euro) è vicina a rinnovare gli accordi con l'Algeria per l'importazione di gas, secondo quanto riferito da due fonti. Intanto Fitch ha messo Enel Russia in rating watch negative per la vendita di Reftinskaya. 

Quanto a Fca (-0,67% a 11,90 euro) le recenti manovre messe in atto da Renault contro le riforme di governance del partner giapponese Nissan mettono in pericolo l'alleanza tra le due case automobilistiche, secondo una fonte vicina a Nissan. Questa settimana Renault ha avvertito che avrebbe bloccato le riforme programmate di governance da parte del partner Nissan se non le fosse stato garantito maggior peso nella nuova organizzazione. La società giapponese ha respinto al mittente la proposta definendola "molto deplorevole". In mattinata si riunisce l'assemblea di Renault e quella di ProSiebenSat.1, importante per Mediaset (+0,67% a 2,86 euro) che di recente ha acquisto il 9,6% del gruppo media tedesco.

Debole Atlantia (-0,51% a 23,21 euro) che sarebbe "un partner naturale" delle Ferrovie dello Stato nel piano di salvataggio di Alitalia, secondo quanto dichiarato ieri da Salvini. In rosos i finanziari, soprattutto Ubi (-0,79% a 2,37 euro) e Unicredit (-0,86% a 10,17 euro), meno Azimut (-0,16% a 15,14 euro) che con Illimity ha sottoscritto una partnership nel campo del direct banking. In pratica Illimity metterà a disposizione dei 1.800 consulenti Azimut una gamma di prodotti e servizi bancari innovativi dedicati ai loro clienti.

I nuovi servizi si affiancheranno alle soluzioni di investimento Azimut e saranno offerti attraverso la piattaforma digitale di Banca Diretta di illimity, che diverrà operativa, come da piano, nelle prossime settimane e sarà progressivamente aperta alla clientela. Fuori dal listino principale, vanno a due velocità Ima (-1,56% a 72,50 euro) e Gima TT (+5,75% a 8,19 euro) dopo che i cda delle due società hanno approvato il piano di fusione che prevede l'incorporazione della seconda nella controllante Ima. Il concambio è stato fissato a 11,4 nuove azioni Ima per 100 titoli Gima TT.