Milano piatta, spread sempre sotto quota 200

12/07/2019 17:58

Milano piatta, spread sempre sotto quota 200
 
  ULTIMO   VAR
Ftse Mib 23.651,62
9.59.55

-0,55%

Dax 30 13.221,18
9.59.51

-0,47%

Dow Jones 27.691,49
22.53.24

+0,00%

Euro/Dollaro 1,1005
9.45.02

-0,10%

Spread 149,55
10.14.57

+3,76%

Chiusura debole per Piazza Affari, che ha archiviato la seduta con il Ftse Mib a +0,06% e con lo spread sul decennale Btp-Bund a 198 punti base, mentre a Parigi il Cac40 ha guadagnato lo 0,38%, a Madrid l'Ibex35 ha chiuso con un rialzo dello 0,15%, mentre a Francoforte il Dax30 ha lasciato lo 0,07% e a Londra il Ftse100 lo 0,051%. Tengono ancora banco le parole accomodanti dei membri della Federal Reserve e della Banca centrale europea, che negli ultimi giorni si sono detti pronti ad allentare la politica monetaria per sostenere l'economia in un momento di forti incertezze globali.

Sul fronte macro, a maggio la produzione industriale nell'area euro è cresciuta dello 0,9% su base mensile ed è diminuita dello 0,5% a livello annuale. Il dato congiunturale è migliore delle stime del consenso, che si aspettavano un aumento dello 0,2%. Inoltre, l'output di aprile è stato rivisto al ribasso dal -0,5% al -0,4%.

Per quanto riguarda i prezzi di produzione per la domanda finale negli Usa sono saliti dello 0,1% a livello mensile a giugno, in linea al consenso. Il dato di maggio è stato confermato al +0,1%. Sempre a giugno, i prezzi alla produzione core sono saliti dello 0,3%, in questo caso leggermente sopra le attese (+0,2%), mentre quelli per consumi personali sono aumentati dello 0,2%.

Sul tema geopolitico il Regno Unito aumenterà la sua presenza militare nel Golfo inviando una seconda nave da guerra nella regione. L'Hms Duncan, un cacciatorpediniere, navigherà verso l'area nei prossimi giorni dopo aver completato di recente gli esercizi della Nato nel Mar Nero.

A Piazza Affari in salita Juvenuts (+2,54%), in attesa delle novità che potrebbero arrivare dall'Olanda in termini di calcio-mercato, e Saipem (+1,52%). Bene anche i titoli industriali con Pirelli che ha segnato un +2,94%, insieme a Fca (+1,91%) e Leonardo (+1,92% a 11,65 euro), su cui Banca Akros ha alzato il prezzo obiettivo da 13,5 euro a 15,5 euro.

Contrastati i bancari: Ubi +1,84%, Banco Bpm +0,5%, Bper +0,45%, Intesa Sanpaolo -0,22%, Unicredit -0,48%. In calo tra le blue chip Terna (-1,%), Enel (-0,91%) e Finecobank (-0,68%).

Sul resto del listino brilla Immsi che chiude con un guadagno del 10%. Si segnala che tre giorni fa la controllata Intermarine ha consegnato alla Marina Militare l'unità navale Unpav, denominata Angelo Cabrini.

Positivo anche Brunello Cucinelli (+2,32%) che ha chiuso il primo semestre riportando ricavi preliminari in crescita tendenziale dell'8,1% a cambi correnti (+7,2% a cambi costanti) a 291,4 milioni di euro.

Sull'Aim Italia, infine, sale Ilpra (+3,74%), che ha annunciato la partecipazione al Progetto PackPact, nato per riunire le aziende leader nel settore del processing e del packaging in grado di rappresentare l'eccellenza della filiera di processo e imballaggio italiana e competere sul mercato globale con i big player internazionali.