Bancari e industriali brillano a Piazza Affari

di Roberta Castellarin 12/07/2019 11:32

Bancari e industriali brillano a Piazza Affari
 
  ULTIMO   VAR
Ftse Mib 22.375,67
17.35.59

-0,23%

Dax 30 12.657,03
18.39.54

-0,12%

Dow Jones 27.058,06
21.10.54

+0,21%

Euro/Dollaro 1,1123
20.50.38

-0,06%

Spread 128,88
17.30.10

-2,45%

Piazza Affari continua a beneficiare dello spread sotto quota 200 punti base, che sostiene i titoli bancari. In tarda mattinata infatti tra le migliori blue chip ci sono Ubi banca (+2,18%), Banco Bpm (+1,62%), Unicredit (+0,71%) e Intesa Sanpaolo (+0,49%). L'indice Ftse Mib si attesta a 22.222  (+0,24%). Poco mosse le altre borse europee: Dax -0,03%, Ftse-100 +0,29%, Cac-40 +0,4%. 

Sul fronte macro a maggio la produzione industriale nell'area euro è cresciuta dello 0,9% su base mensile ed è diminuita dello 0,5% a livello annuale. Il dato congiunturale è migliore delle stime del consenso, che si aspettavano un aumento dello 0,2%. Inoltre, l'output di aprile è stato rivisto al ribasso dal -0,5% al -0,4% mese su mese.

A Milano, oltre ai bancari, sono in rialzo anche numerosi titoli industriali: Pirelli (+1,41%), Buzzi Unicem (+1,39%), Fca (+1,33%), Prysmian (+1,25%). Bene anche Saipem che si apprezza dell'1,72%.

In rialzo Atlantia a 24,58 euro (+1,03%). La società ha reso noto che il cda preso atto dell'interesse della controllata Aeroporti di Roma per una compagnia di bandiera competitiva e generatrice di traffico, ha dato mandato al Ceo Giovanni Castellucci di approfondire la sostenibilità ed efficacia del piano industriale relativo ad Alitalia, inclusa la compagine azionaria e il team manageriale, e gli opportuni e necessari interventi per un duraturo ed efficace rilancio della stessa, riferendo in una prossima riunione consiliare per le opportune valutazioni ed eventuali connesse deliberazioni.

Segno meno per Campari (-1,09%), Enel (-0,89%), Terna  (-0,8%) e Diasorin (-0,68%). 

Sul resto del listino sale Sesa del 4,23%, dopo che ieri il Cda della società ha approvato il progetto di bilancio di esercizio e consolidato al 30 aprile 2019. Positivo anche Brunello Cucinelli (+2,25%) che ha chiuso il primo semestre riportando ricavi preliminari in crescita tendenziale dell'8,1% a cambi correnti (+7,2% a cambi costanti) a 291,4 milioni di euro.

Nel mercato dei cambi il dollaro continua a estendere le perdite degli ultimi giorni, in scia alle crescenti aspettative su un taglio dei tassi d'interesse durante la riunione del 31 luglio della Federal Reserve. In particolare, il biglietto verde ha cominciato a perdere significativamente terreno dopo la testimonianza accomodante del presidente della Fed di fronte al Congresso. Il cambio euro/dollaro è salito sui massimi da una settimana a quota 1,1277 e gli esperti di Ing credono che possa "apprezzarsi" ancora fino a "1,1330 durante l'estate". La moneta unica ha tuttavia margini di guadagno limitati, vista la prospettiva di un accomodamento monetario della Bce.