Il petrolio non si ferma, i titoli energetici si infiammano

di Roberta Castellarin 11/07/2019 12:19

Il petrolio non si ferma, i titoli energetici si infiammano
 
  ULTIMO   VAR
Ftse Mib 22.375,67
17.35.59

-0,23%

Dax 30 12.657,03
18.39.54

-0,12%

Dow Jones 27.066,16
21.12.51

+0,24%

Euro/Dollaro 1,1122
20.52.31

-0,06%

Spread 128,88
17.30.10

-2,45%

Il prezzo del petrolio è in rialzo con il Wti che tratta a 60,75 dollari al barile e il Brent che si attesta a 67,4 dollari. Le quotazioni continuano a salire come conseguenza dell'aumentata tensione nel golfo Persico. Mentre ieri era stato l'allarme uragano nel Golfo del Messico a far volare le quotazioni del greggio. Intanto a dare sostegno all'oro nero contribuiscono anche i dati sulle scorte del greggio Usa, che sono diminuite molto più del previsto.  

Per quanto riguarda la situazione in Medio Oriente, alcune navi iraniane hanno tentato di impedire il passaggio di una petroliera battente bandiera britannica attraverso il Golfo Persico, ha detto il ministero della Difesa inglese. La mossa rischia di aumentare le già alte tensioni nella regione. In particolare tre navi iraniane hanno tentato di bloccare una petroliera della società Bp nel Canale di Hormuz ma il tentativo è stato respinto dalla presenza di una nave da guerra britannica, ha detto il ministero in una dichiarazione, aggiungendo che la fregata della Royal Navy britannica, Hms Montrose, ha emesso un avvertimento verbale alle navi iraniane puntando i cannoni prima che si allontanassero, ha detto il ministero.

L'incidente potrebbe ulteriormente spaventare i mercati e gli investitori internazionali e potrebbe accelerare le mosse degli Stati Uniti per costruire una coalizione di Stati volta a proteggere le navi commerciali che navigano vicino alle acque iraniane dopo una serie di attacchi avvenuti negli ultimi mesi.

Gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno accusato l'Iran di aver attaccato alcune petroliere recentemente, ma questa è la prima volta da quando le tensioni sono aumentate all'inizio di quest'anno che una nave da guerra occidentale si è avvicinata a un intervento militare contro le forze navali iraniane. "Siamo preoccupati per questa azione e continuiamo a sollecitare le autorità iraniane ad allentare la situazione nella regione", ha riferito il ministero della Difesa, aggiungendo che il tentativo di bloccare il passaggio della nave è in contrasto con il diritto internazionale.

A beneficiare del rally del petrolio sono tutti i titoli legati all'energia di Piazza Affari. Tenaris è in rialzo del 2,2%, Saipem dell'1,39%, Eni dell'1,21%.